VERSIONE MOBILE
tmw
 Martedì 21 Ottobre 2014
ALTRE NOTIZIE
26 Ott 2014 20:45
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Milan   Fiorentina
[ Precedenti ]
VERONA-MILAN, IL MIGLIORE IN CAMPO
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

ALTRE NOTIZIE

"Milan in vendita. Gli acquirenti saranno arabi o libici"

Intervista realizzata dal portale cnrmedia.com a Luca Di Liddo
05.09.2009 11:59 di Luca Iannone  articolo letto 11169 volte
Fonte: cnrmedia.com

C'è fermento in casa Milan. Indiscrezioni su Finivest, holding della famiglia Berlusconi, in trattativa per cedere la società al leader libico Gheddafi. In precedenza le voci volevano un acquirente arabo come interessato a rilevare le quote di maggioranza del Milan. Spunta anche un'ipotesi azionariato popolare. Per Luca Di Liddo, analista finanziario socio dell'Associazione italiana degli analisti finanziari, questa ultima formula è la più difficile da realizzare. Mentre apre alla possibile cessione del Milan.

Da qualsi segnali possiamo capire che la società di via Turati è in vendita?

Dopo la campagna acquisti dell'estate è chiaro che la proprietà vuole vendere il Milan. I soldi rientrati dalla vendite come quella di Kakà non sono stati reinvestiti per ricapitalizzare la società. Questa è la classica strategia che utilizzano gli imprenditori quando mettono la società sul mercato per venderla.

Quali parametri bisogna prendere in considerazione per valutare quanto vale il Milan?

La società Milan è valutata su valori immateriali. Non certo in base al bilancio effettivo, che è chiuso con valori negativi. I parametri sono dunque quelli della notorietà del marchio e del ritorno di immagine sui mass media. Perciò si utilizzano giudizi e stime diverse da quelle normalmente utilizzate sui mercati finanziari.

Si parla di una cifra vicina agli 800 milioni di euro. E' una stima attendibile?

Una stima di 800 milioni di euro è possibile. Il patrimonio dei giocatori è stimabile in quella valutazione. Se il Milan dovesse vendere tutti i suoi tesserati facilmente potrebbe arrivare a quella cifra.

Arabi o libici nel futuro rossonero?

Potrebbero essere gli arabi, come hanno già fatto in Inghilterra e che vogliono entrare nel business del calcio italiano con i loro capitali. Potrebbero anche essere i libici visti gli ultimi stretti legami con l'Italia. Ricordiamoci che la Libia è già entrata nel capitale della Juventus e anche in quello del Perugia.

Quali contro indicazioni avrebbe un investimento di questi soggetti?

Meglio un imprenditore tifoso come Massimo Moratti all'Inter o come il primo Silvio Berlusconi al Milan. Questo perché bisogna continuare a investire per vincere. Altrimenti succede come al Chelasea con Roman Abramovich, che rispetto ai primi anni ha tagliato di molto gli investimenti.

Si è parlato anche di azionariato popolare da parte dei tifosi. Si può fare?

L'azionariato popolare è possibile solo se la società apre a questo tipo di investimento. Il Milan non è una società per azioni e non è possibile lanciare un Opa, l'offerta pubblica di acquisto, sul mercato finanziario. Dal basso, cioè dai tifosi, può arrivare la richiesta alla società di vendere, che però essendo un soggetto privato decide se aprirsi a un'offerta di questo genere. Per l'azionariato popolare è necessario che i tifosi, o chi ha interesse nell'investire nella società Milan, si mettano insieme nominando un rappresentante legale che formalizza l'offerta alla Fininvest che controlla la società di via Turati.

Che problemi porterebbe un investimento da parte dei tifosi?

Il problema di questo tipo di azionariato è che bisogna continuare a investire e non è possibile per i tifosi continuare a ricapitalizzare la società. Serve sempre una figura di riferimento, un azionista di maggioranza, capace di pompare nuova liquidità nelle casse del club. Come succed ein Spagna con il Real Madrid e il Barcellona.


Altre notizie - Altre Notizie
Altre notizie
 

ALTRO CHE HONDA ANOMALA, KEISUKE ORMAI È UNA SENTENZA. E IL MILAN ADESSO INIZIA A FAR PAURA

C’è chi esulta la mattina, e poi si dispera per tutto il resto del giorno, e chi invece accusa il colpo a inizio giornata ma poi gode senza freni per l’intera settimana. Ogni riferimento a quanto accaduto nella domenica bestiale di interisti e milanisti è...
Il timore di non riuscire a sfatare il tabù Verona, fatale nel corso dell’ultimo decennio, accompagna i rossoneri alla sfida del Bentegodi. Ai posteri però, questa volta, arriveranno altre impressioni, altre notizie. La formazione di Mandorlini, troppo...
Hellas Verona-Milan 1-3

ESCLUSIVA MN - CHIARUGI: "MENEZ È UN FUORICLASSE, SE REGGE COSÌ IL MILAN SORPRENDERÀ. PARAMETRI ZERO? BASTA CRITICARE GALLIANI"

La redazione di MilanNews.it ha contattato l’ex giocatore del Milan, Luciano Chiarugi, per un commento sui primi 100...

PAGELLE - IL MILAN SULLA CRESTA DELL'HONDA SBANCA VERONA. ALEX E ABBIATI DA APPLAUSI

Queste le pagelle di Verona-Milan 1-3: Abbiati 7: Diego Lopez può rientrare senza problemi con calma contro la...

MN - MILAN PRIMAVERA: CROCIATA USCITO DALL’OSPEDALE, SETTE GIORNI DI RIPOSO ASSOLUTO

Giovanni Crociata, centrocampista della Primavera del Milan, uscito al 3’ minuto nel derby contro l’Inter per uno...

IL FATAL MILAN CORRE SULL'HONDA

Alzi la mano chi avrebbe detto sei mesi fa che a ottobre Honda sarebbe stato capocannoniere, non solo del Milan, ma di tutto...

SONDAGGIO MN - I LETTORI: "CONTRO IL VERONA 4-3-3 E BONAVENTURA MEZZ'ALA"

I lettori di MilanNews.it, intervenuti tramite sondaggio, hanno indicato il modulo migliore col quale affrontare la sfida col...

LA LETTERA DEL TIFOSO: "A VOLTE IL CUORE NON BASTA!" DI ANDREA

Sembra il titolo di un film... una di quelle commedie romantiche americane... Beh per ora di romantico ha molte cose......
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 21 Ottobre 2014.
One di Dario Paolillo
CrozzoPizzo.it
   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.