ESCLUSIVA MN - Ciaschini: "Che ricordo il derby di Champions con Sheva. Ancelotti di nuovo al Milan? Mai dire mai..."

 di Cristian Longo Twitter:   articolo letto 16263 volte
© foto di Giacomo Morini
ESCLUSIVA MN - Ciaschini: "Che ricordo il derby di Champions con Sheva. Ancelotti di nuovo al Milan? Mai dire mai..."

La redazione di Milannews.it ha contattato in esclusiva Giorgio Ciaschini, vice di Carlo Ancelotti ai tempi del Milan e del Chelsea. A lui abbiamo chiesto quale derby ricorda con maggior affetto, qual è il giocatore che l'ha sorpreso durante la sua esperienza rossonera, di dare un consiglio a Mihajlovic per il derby di stasera e di darci la sua opinione su un possibile ritorno di Carlo Ancelotti al Milan...

Lei di derby ne ha vissuti tanti da vice di Carlo Ancelotti: quale ricorda meglio e perché?

"Tra i derby che ricordo meglio c'è sicuramente quello del 2005, nei quarti di Champions, con i gol di Shevchenko e Stam. I derby di Champions sono quelli che mi hanno sempre dato maggiori emozioni, perchè il contesto in cui si svolgevano e le competizioni di cui facevano parte davano alla partita un significato diverso".

Qual è il giocatore che l’ha sorpresa di più durante la sua esperienza rossonera?

"Premetto che la squadra che avevo la fortuna di allenare con Carlo è forse stata una delle squadre più forti al mondo. Ogni giocatore possedeva grandi qualità, sia a livello tecnico che umano. Se devo dire un nome su tutti però dico senza dubbio Kakà. Ricardo era quel giocatore che ti lasciava senza parole perchè abbinava una grande forza fisica ad una grande maestria tecnica. E' stato forse il primo giocatore moderno di questo tipo".

Che consiglio, o tattico o tecnico, darebbe a Mihajlovic per vincere il derby di stasera?

"Lui conosce bene l’inter e sa bene anche dove colpirla. Quello che sicuramente è importante in questi casi è avere la serenità giusta di chi non si deve porre un obiettivo preciso, ma con gioca con la mente e il cuore leggere. Deve trasmettere alla squadra questo tipo di sensazioni. Inoltre, come evidenziato nelle scorse settimane, l'Inter ha dellle difficoltà difensive che il Milan deve cercare di sfruttare al meglio". 

Ha mai pensato che Ancelotti potesse tornare al Milan?

"Nel calcio le finistre sono sempre aperte. Quello che si leggeva  la scorsa estate era molto difficile che si realizzasse. Carlo credo che ancora abbia degli obiettivi importanti in un calcio estero che offre delle alternative importanti. Il Milan però è una società dove lui potrà sempre tornare perchè lì ha parte del cuore. Per cui ma dire mai..."