Costacurta sul Milan: “Con il 4-4-2 ogni giocatore è al posto giusto, adesso c’è un senso di squadra”

 di Enrico Ferrazzi Twitter:   articolo letto 24391 volte
© foto di Federico De Luca
Costacurta sul Milan: “Con il 4-4-2 ogni giocatore è al posto giusto, adesso c’è un senso di squadra”

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Alessandro Costacurta, ex difensore rossonero, ha commentato così il momento del Milan: “Negli ultimi 135’, ossia la ripresa con la Roma e la gara intera con la Fiorentina, mi ha stupito la capacità di restare organizzati e intensi che non era mai emersa con continuità. Finora c’erano stati alti e bassi clamorosi, tante disattenzioni. Ed è normale: quando la squadra non è compatta, emergono maggiormente i difetti individuali. Negli ultimi 135’, invece, il Milan ha fatto bene, direi quasi molto bene. Però non possiamo ancora essere sicuri che sia arrivata la svolta: dopo la vittoria contro la Lazio, ad esempio, ricominciarono i problemi. Il 4-4-2? E’ il modulo più semplice da apprendere. E prevede un’ottima suddivisione dell’impegno e dello spazio. Questo modulo, che magari da alcuni viene visto come troppo elementare, responsabilizza tutti. E ogni giocatore è al posto giusto, tranne forse Honda. Se Mihajlovic poteva arrivarci prima? C’è stata troppa fretta, in tutto. Ma adesso c’è un senso di squadra, la strada è giusta. Io la vedo come Ancelotti: gli allenatori sono importanti ma non fondamentali. Me la prendo di più con i giocatori: avrebbero potuto esprimersi su questi livelli anche due mesi fa. Sono stati tutti sotto il loro standard: non può essere colpa di Galliani e Mihajlovic. Bertolacci era un nazionale quando è stato acquistato. Per realizzare un progetto ci vuole tempo, ma un po’ ormai ne è passato”.