Pagelle - Donnarumma santo subito. Suso, un gioiello. Sosa, che impatto. Ocampos bocciato alla prima da titolare

 di Pietro Mazzara Twitter:   articolo letto 84358 volte
© foto di LINGRIA/PHOTOVIEWS
Pagelle - Donnarumma santo subito. Suso, un gioiello. Sosa, che impatto. Ocampos bocciato alla prima da titolare

Queste le pagelle di Lazio-Milan 1-1

Donnarumma 7,5: se non lo avete ancora fatto, affrettatevi a prenotare il vostro posto in Piazza San Pietro per la prossima udienza pubblica del Papa. Sul balcone della basilica c’è già la sua effige pronta alla santificazione. I segnali della beatificazione si vedono lampanti sulla botta sicura di Hoedt e poi si materializzano ulteriormente nella ripresa quanto stoppa Immobile. Per poco non para anche il rigore a Biglia.

Abate 6: corre su e giù per la fascia come uno stantuffo. Keita è una brutta bestia da tenere a bada perché è uno dei pochi che regge il suo passo sulla velocità. C’era un rigore solare su di lui.

Zapata 5,5: Immobile si sposta una volta nella sua zona, una volta in quella di Gomez. Fanno fatica entrambi finché il centravanti laziale ne ha.

Gomez 5: è suo il fallo visto da Mazzoleni su Immobile che sancisce il rigore che porta al vantaggio laziale. C’era di più, forse, quello del 31’. Poi nella ripresa si riassesta, ma è spesso in difficoltà.

Vangioni 6: con Pasalic che non fa filtro e non ripiega e Ocampos che lo fa ad intermittenza, deve farsi una dose clamorosa di Aulin per reggere agli strappi continui di Felipe Anderson che, fin quando ne ha, è quasi imprendibile.

Poli 5,5: premiato giustamente con la maglia da titolare, si butta spesso negli spazi. (dal 77’ Mati Fernandez sv).

Locatelli 5: deve scrollarsi di dosso l’apatia che lo porta a passaggi sempre laterali e corti. Mai una verticalizzazione ed è spesso travolto dal ritmo di Biglia e Parolo. (dal 52’ Sosa 6,5: entra lui ed il Milan cambia completamente ritmo. Verticalizza, lotta sui palloni in mezzo al campo, chiama Strakosha ad una parata importante su punizione).

Pasalic 5: sanguinoso e letale il pallone che perde nel finale di primo tempo e che innesca l’azione del rigore della Lazio. Nel secondo tempo non è pervenuto.

Suso 6,5: 80 minuti sotto ritmo con prestazione insufficiente. Poi, però, trova la gemma che regala al Milan un pareggio preziosissimo in ottica europea. Sempre raddoppiato, forse inizia a sentire anche un po’ di stanchezza.

Deulofeu 6: falso nueve di serata, non ha mai modo di potersi lanciare in uno contro uno con Hoedt o de Vrij. Con l’ingresso di Lapadula si sposta a sinistra e tiene basso Basta. Corre fino alla fine.

Ocampos 5: alla prima da titolare con il Milan, sbaglia quasi tutto. Ha sulla coscienza il contropiede che, nel primo tempo, poteva mettere in porta Deulofeu. Lui preferisce calciare e gli esce una conclusione debole. Nella ripresa è impalpabile. (dal 62’ Lapadula 6: sarà che entra bene e che la Lazio cala, ma lui protegge palla e riesce a far salire la squadra oltre a creare scompiglio con la sua grinta).