Pagelle - Musacchio-Kalinic, errori decisivi. Calha, alibi finiti. Borini il migliore

 di Pietro Mazzara Twitter:   articolo letto 67475 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
Pagelle - Musacchio-Kalinic, errori decisivi. Calha, alibi finiti. Borini il migliore

Queste le pagelle di Milan-Roma:

G. Donnarumma 5,5: salva il Milan alla prima sbandata difensiva, ipnotizzando Florenzi. Romagnoli rende imparabile il tiro di Dzeko, originariamente destinato ad altri lidi. In occasione dello 0-2 giallorosso, la sua respinta non è indirizzata bene e Florenzi ringrazia.

Musacchio 5: non sarà educatissimo con i piedi in fase di possesso, ma tiene bene El Shaarawy a livello fisico, anche grazie al prezioso supporto di Borini. Concede metri e tempo a Dzeko che si avvicina con troppa facilità alla porta di Donnarumma e scocca il tiro che, deviato da Romagnoli, impallina il portiere rossonero.

Bonucci 6: Dzeko è un brutto cliente, lui ci mette cattiveria agonistica e determinazione. Allison gli nega il primo gol milanista con una parata che, ai fini del risultato, è da considerare determinante.

Romagnoli 5: Florenzi scappa nella sua zona quando si invola verso Donnarumma. Propositivo in attacco, ma dei tre dietro è quello che va più in difficoltà.

Borini 6,5: scelto per giocare a tutta fascia al posto di Abate, risponde con una grandissima prova. In fase di non possesso fronteggia bene Kolarov e si abbassa con i tempi giusti sulla linea difensiva. Davanti spinge, recupera palla e partecipa con intelligenza alla manovra. (dall’83’ Bonaventura sv).

Kessie 5,5: partita a intermittenza del Tank rossonero, che alterna momenti di grande intensità ad altri di assenza. Sbaglia un cross che poteva valere un assist per Kalinic e quando molla per una volta Nainggolan, il belga si accende in occasione del 2-0 finale.

Biglia 5,5: stranamente la Roma gli concede spesso e volentieri il tempo di alzare la testa e scegliere la soluzione migliore. Lui, però, non alza mai il ritmo della manovra, salvo casi rarissimi.

Calhanoglu 4,5: iniziano a finire gli alibi anche per il turco. I sei mesi di inattività sono ormai un lontano ricordo. Per l’ennesima volta arriva all’appuntamento con il calcio verso la porta avversaria con i tempi sbagliati. Qualche dai e vai riuscito e poco altro. Corona la sua prova insufficiente con l’espulsione che lo mette out per il derby.

Rodriguez 6:  stantuffa sulla corsia mancina con voglia e pericolosità. Tuttavia i suoi cross, che trovano spesso il cuore dell’area di rigore, non trovano i compagni di squadra pronti a colpire. Legge male la situazione dello 0-2, andando lungo con la corsa, lasciando Florenzi solo di ribadire in gol la respinta, non perfetta, di Donnarumma.

André Silva 6: sprazzi di alta tensione tecnica. Il portoghese si muove tantissimo e quando ha la palla tra i piedi da spesso la sensazione di poter far male agli avversari. Mette in difficoltà Manolas e per poco non trova il gol. Sta crescendo e si vede.

Kalinic 5: Manolas prima e Fazio poi lo annullano. Non trova mai il tempo giusto sui cross di Rodriguez e quando gli capita l’occasione per spaccare la partita, la tramuta in un mancino incrociato che finisce in bocca ad Allison. (dal 79’ Cutrone sv)