Bianchi a Radio MilanInter: "Le critiche a Mihajlovic danno alibi ai giocatori"

 di Massimo Canta  articolo letto 13136 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Bianchi a Radio MilanInter: "Le critiche a Mihajlovic danno alibi ai giocatori"

A Radio MilanInter è intervenuto, durante 'Milan Time', l'ex rossonero Walter Bianchi, che ha risposto a chi chiedeva quale fosse il motivo, a suo giudizio,  dell'approccio spesso sbagliato alla partita, da parte della formazione di Mihajlovic, a differenza di quanto avveniva nel Milan di Sacchi che lui ha vissuto. "L'allenatore è capace, ma si trova di fronte ad una situazione di incertezza, a cui si aggiunge un atteggiamento di critica alla conduzione tecnica, che non si è mai presentato nel mio periodo rossonero. Questo costituisce un alibi ai giocatori, che purtroppo non se li meritano più. Questi ragazzi dovrebbero cambiare aria, per il loro bene e per quello del Milan. Quando si perdono tante partite o ci si sente sopravvalutati, vuol dire che si sta acquisendo una mentalità non vincente, se non addirittura perdente. Ai miei tempi, se non convocato, non andavo a consolarmi al Casinò". Sulla cessione di Luiz Adriano? Mi spiace perché con Bacca costituiva una coppia affiatata, non era certo tra i maggiori candidati a dover andare via. Purtroppo il gioco espresso condanna i giocatori, che invece sarebbero di qualità, mentre in altri tempi la qualità espressa esaltava anche calciatori meno tecnici". Su El Sharawy invece? "Non credo ai ritorni, nemmeno che potrebbe essere il salvatore della patria, dovesse rimanere. Ma è un bravo ragazzo, con qualità indiscutibili, condizionato da infortuni prolungati, che lo hanno condizionato e in un periodo in cui la squadra non lo ha supportato".