Fox Sports - Caso Donnarumma, la versione di Mino Raiola proprio non sta in piedi

 di Redazione MilanNews Twitter:   articolo letto 112017 volte
Fonte: di Paolo Cola per foxsports.it

Quella del 18 giugno verrà ricordata come una domenica intensa per Gigio Donnarumma e la sua corte dei miracoli. In prima serata la contestazione in eurovisione firmata da quelle sagome del Milan Club Polonia; poi, appena scattata la mezzanotte, ecco che appare Mino Raiola in t-shirt e bermuda.

L'idea era quella di tenere una sorta di conferenza stampa per pochi intimi, con la quale si proponeva di eviscerare le reali motivazioni che hanno portato alla rottura dei rapporti diplomatici tra il Milan e il suo giovane portiere. Di spiegazioni, in effetti, ne sono arrivate diverse. Il problema è che non ne sta in piedi neanche una. Ma andiamo con ordine.

Donnarumma, le verità di Raiola: "Il clima ostile"

“Da un ambiente troppo ostile non può uscire un buon risultato. Siamo stati costretti a prendere decisioni che non eravamo pronti a prendere e così la risposta è stata negativa. Con la fretta e gli atteggiamenti mostrati, anche in modo molto pubblico, il Milan ha fatto sì che non fosse un ambiente giusto”.

Per Mino, la dirigenza rossonera si è macchiata della colpa di aver creato un clima ostile alle trattative, riempiendo Donnarumma di dichiarazioni d'amore e di stima e offrendogli un ingaggio aumentato di 31 volte rispetto a quello precedente. Dev'essere più o meno come la storia del gesto delle due dita rivolte verso l'alto: in Italia significa "hai una sigaretta?", ma provatevi a farlo in Inghilterra. 

"Non è un problema di soldi"

“L'unico problema che non c'era era quello, non siamo arrivati nemmeno a intavolare un discorso serio sotto quel punto di vista. Non c'è stata data serenità e tempo da parte del Milan. La clausola rescissoria? Non è stato affrontato seriamente il discorso”.

E qui potremmo anche far finta di crederci, anche se tappandoci naso e bocca e facendo defluire le risate dalle orecchie. Poi però Raiola ha lasciato intendere che l'offerta fatta a Donnarumma era inferiore a quella presentata ad Alvaro Morata e Aubameyang. Sbugiardandosi da solo senza neanche accorgersene.

"Che fretta c'era? Si poteva rinnovare a dicembre"

“Mai pensato di portarlo via a parametro zero, chiedevo solo tempo per capire cosa era meglio fare. Si firmava a ottobre, dicembre: che fretta c’era?”

Come no, magari anche a febbraio 2018, a mercato invernale chiuso. La pretesa di aspettare indefinitamente, ovviamente, non sta né in cielo né in terra: come ha detto Fassone, il Milan aveva bisogno di conoscere ben prima la volontà di Donnarumma e del suo entourage, per potersi organizzare di conseguenza. Peraltro, non ci risulta che Raiola abbia chiesto alla Juventus di procrastinare il rinnovo di Paul Pogba: infatti il francese rinnovò (a ingaggio triplicato, ma inferiore a quello offerto dal Milan a Donnarumma) nell'ottobre del 2014, 18 mesi prima della scadenza del suo contratto. Tu guarda. E grazie a quel rinnovo fino al 2019, l'anno scorso Marotta ha potuto scucire 120 milioni al Manchester United (anche se poi una trentina sono finiti nelle tasche di Mino), contando sui tre anni residui di contratto. Cosa che naturalmente il Milan non potrà fare, a vantaggio di chissà chi.

"Troppe pressioni pubbliche"

“Siamo stati costretti a prendere decisioni che non eravamo pronti a prendere e così la risposta è stata negativa. Con la fretta e gli atteggiamenti mostrati, anche in modo molto pubblico, il Milan ha fatto sì che non fosse un ambiente giusto”.

Dice quello che ha definito Donnarumma "un Modigliani", o "il Maradona dei portieri", e che a gennaio, in risposta ad alcune critiche mosse al giocatore su Facebook, ha minacciato il Milan di portarlo via. 

"Lo striscione"

“Bastavano anche cose piccole con Gigio, attenzioni, amore. Tipo quando i tifosi hanno messo lo striscione sotto la sede. Perché nessuno è andato a levarlo? Non l’hanno difeso dalle critiche”.

Lo striscione recitava "Non si accettano ricatti" e non era rivolto a Gigio ma a Raiola. 

"Sento puzza di mobbing"

“Starò molto attento, sento puzza di mobbing. Minacciarlo di non farlo giocare per un anno per me è mobbing”.

Non dovrebbe esserci bisogno di specificarlo, ma tant'è: si parla di mobbing quando la persecuzione nei confronti del lavoratore è finalizzata all'espulsione dello stesso. E il Milan ha offerto 50 milioni lordi a Gigio metallurgico ferito nell'onore pur di tenerselo stretto.

Quanto è credibile che un rinnovo contrattuale a sei zeri sia naufragato per la presunta irruenza di una delle due parti in causa, e che l'anima candida a essersi offesa sia stato Mino Raiola? 

E quanto, invece, lo è ciò che sostiene Marco Fassone, che ha sottolineato senza giri di parole che i 100 milioni di danno economico causati al Milan finiranno nelle tasche proprio di Raiola, e che è questa l'unica ragione di tutta questa messinscena?