Nicchi, arbitri sbagliano come tutti

Elogi a giovane arbitro Giua, in un paio d'anni sarà in Serie A
 di Antonio Vitiello Twitter:   articolo letto 4972 volte
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA

(ANSA) - ROMA, 20 MAR - Gli arbitri possono sbagliare, come sbagliano i giocatori in azione o gli allenatori che non azzeccano la formazione. Il presidente dell'associazione arbitri (Aia) Marcello Nicchi è tornato a parlare del ruolo dei direttori di gara e a smorzare le polemiche che spesso mettono in mezzo i fischietti. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Nicchi ha ribadito che "un clima sereno" in campo e fuori aiuta a migliorare la gestione delle partite. "Speriamo arrivino tante giornate positive come quella di ieri in cui i giocatori hanno protestato di meno e gli arbitri fatto meglio". Nicchi ha poi rivendicato la necessità di far crescere i giovani, nel giro di 2 o 3 anni cambierà oltre il 50% degli arbitri di vertice, perciò dobbiamo prenderci qualche rischio con l'inserimento di qualche giovane". E a tal proposito ha elogiato il signor Antonio Giua di Olbia per come ieri ha diretto Foggia-Lecce 'difficile' partita di Lega Pro, con 20mila spettatori: "in un paio di anni arriverà in Serie A".