Petrelli: "Davanti a Donnarumma gli attaccanti erano ipnotizzati"

 di Fabio Anelli Twitter:   articolo letto 24094 volte
© foto di LINGRIA/PHOTOVIEWS
Petrelli: "Davanti a Donnarumma gli attaccanti erano ipnotizzati"

L'ex difensore della Lazio, Sergio Petrelli è tornato a parlare del match di lunedì tra la formazione biancocelste e il Milan ai microfoni di Lazio Style Radio: "Contro Chievo e Milan erano partite da 6 punti, e con quei 5 punti in più in classifica ci sarebbe stato un bel balzo in avanti. Non si possono perdere o pareggiare partite ben preparate e condotte, vanno vinte. Quando si arriva davanti al portiere si deve sfondare la porta: una volta per esempio si facevano allenamenti specifici. Immobile ha sbagliato più gol degli altri e dispiace perché in campo da l’anima. Ci sono dei momenti in cui la palla non entra, è l’imponderabile del calcio. Nell’occasione a tu per tu con il portiere si è visto da mezz’ora che Ciro avrebbe tirato in quel modo. Davanti a Donnarumma gli attaccanti erano quasi ipnotizzati".