VERSIONE MOBILE
TMW   
 Giovedì 19 Gennaio 2017
21 Gen 2017 20:45
Serie A TIM 2016-2017
  VS  
Milan   Napoli
[ Precedenti ]
IN QUALE ZONA DEL CAMPO INVESTIRESTE?
  
  
  
  
  
  

PRIMO PIANO

Cronistoria di un declino - Milan: il peccato originale nell'estate del 2012

11.01.2016 16:29 di Matteo Calcagni Twitter:   articolo letto 43453 volte
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
Cronistoria di un declino - Milan: il peccato originale nell'estate del 2012

Quando nell'estate del 2010, dopo il trionfante triplete nerazzurro, il Milan decise di reagire sul mercato, la base di partenza poteva garantire un ritorno immediato al successo. Zlatan Ibrahimovic, Robinho e Boateng andarono ad impreziosire una formazione composta di campioni ancora affamati (Nesta, Pirlo, Seedorf...) e campioni emergenti come Thiago Silva. Lo scudetto fu la conseguenza di tutto questo. Evidentemente, tra giugno e agosto 2015, in casa rossonera si auguravano che un mercato di alto livello (soprattutto dal punto di vista economico) potesse bastare, da solo, per riportare subito il Diavolo in alto. Questo non è successo, non tanto per colpa dei nuovi acquisti, ma a causa di un ridimensionamento progressivo nel corso degli ultimi tre anni.

L'ESODO DEL 2012 - L'annus horribilis milanista, iniziato con la mancata acquisizione di Tevez (e la permanenza di Pato), è proseguito con uno scudetto sfumato ed un'estate di profonda rinnovazione (ed inevitabile decadimento). Il buco di bilanco, irripianabile da Silvio Berlusconi, ha portato ad un intreccio simile a quello del 2009, quando Kakà fu ceduto per risanare i conti meneghini. In questo caso i "sacrificati" sono stati Thiago Silva e Ibrahimovic, colonne portanti dell'architrave rossonero. Insieme a loro se ne andarono tutti i senatori, ad eccezione di Abbiati e Ambrosini: salutarono Nesta, Gattuso, Seedorf, van Bommel e Zambrotta. Il mercato in entrata, seppur florido a livello quantitativo, fu qualitativamente lontanissimo al valore dei partenti: arrivarono Montolivo, Constant, Traoré, Zapata, Gabriel, Acerbi, Pazzini, Bojan, Niang e de Jong. Il primo, decisivo, step verso il ridimensionamento iniziò in quei mesi: una scelta sicuramente dettata dalle esigenze economiche ma troppo drastica per non causare un sisma. L'estate del 2012 fece partire un declino inarrestabile, aggravatosi poi da quello che sarebbe successo nei mesi (ed anni) a venire.

LA DISILLUSIONE DEL 2013 - A gennaio, per tentare la rimonta europea, il Milan riuscì a tesserare Balotelli dal Manchester City, ricavando parte dei fondi necessari grazie alla cessione di Pato al Corinthians. I rossoneri, dopo essere stati trascinati da El Shaarawy per i primi mesi della stagione, giovarono incredibilmente del ritorno in Italia di SuperMario, il quale segnò dodici reti in tredici partite. Il Diavolo riuscì a conquistare il terzo posto al fotofinish, mostrando però alcuni limiti che avrebbero dovuto far suonare più di un allarme. Proprio l'estate del 2013 è stata, almeno a livello di scelte tecniche, la meno fortunata della recente storia milanista. Prima di tutto Allegri fu confermato dopo un lungo tira e molla, sintomo di fiducia solo apparente, poi si cambiò modulo, cercando di far rifiorire il 4-3-1-2 dopo i buoni risultati del 4-3-3. Dal mercato arrivarono Saponara, Poli, Silvestre, Vergara, Kakà, Birsa e Matri, per i quali il Milan investì (inspiegabilmente) dodici milioni di euro. E' vero che Pazzini avrebbe recuperato a dicembre dall'infortunio, ma le tante soluzioni interne potevano essere affiancante da un'entrata low-cost, magari spendendo quella cifra per altri settori del campo. Il Milan necessitava di rinforzi a centrocampo e in difesa, ma i problemi furono ignorati, generando una voragine che ancora non è stata colmata.

IL 2014 A DUE FACCE - A gennaio il Milan, impossibilitato ad investire grandi cifre, cerco di sistemare la squadra dopo il disastroso girone d'andata: Allegri fu esonerato e arrivò Seedorf, mentre in termini di acquisti varcarono Milanello Honda, Rami, Taarabt ed Essien. Non fu un mercato strabiliante, ma l'olandese, anche grazie alle magie di Taarabt e di Balotelli, riuscì a sfiorare una miracolosa rimonta europea. I tanti problemi interni, con società e ambiente, portarono però all'immediato esonero dell'orange, il quale contribuì ad un nuovo ed evitabilissimo salasso economico. Inzaghi fu la soluzione interna, scelto per riunificare i tifosi e tentare la tanto agognata risalita. Il Milan peccò anche in quella occasione, dato che la squadra necessitava di una guida certamente più navigata dell'ex numero 9. Il mercato, bisogna sottolinearlo, non aiutò certamente SuperPippo: in entrata si presentarono Alex, Menez, Armero, Agazzi, van Ginkel, Diego Lopez e Torres. Tra i partenti Kakà e Balotelli, ceduto al Liverpool per venti milioni. Potevano bastare quegli acquisti per cambiare le sorti del Milan? Evidentemente no, nonostante il buon impatto di Diego Lopez e Menez, rivelatosi trascinatore vero alla guida di Inzaghi. Il Milan, pur claudicando, concluse l'anno in crescendo, tanto da far sorgere qualche timida speranza Champions, ma i limiti erano troppo evidenti e uscirono tutti qualche mese dopo.

IL 2015, TRA BEE E INVESTIMENTI - Desiderosi di tentare la scalata europea, i dirigenti rossoneri si tirarono su le maniche a gennaio 2015, portando a Milanello Cerci, Antonelli, Bocchetti, Paletta e Destro. Come di consueto il centrocampo fu dimenticato, mentre le lacune della rosa si fecero via via sempre più evidenti. Dei nuovi acquisti il solo a convincere fu Antonelli, mentre gli altri (a parte Cerci), lasciarono il Milan già in estate. L'esterno di Velletri, rimasto in rossonero nonostante le brutte prove, ha proseguito il suo buio percorso ritrovandosi, ora, sul mercato. Eppure in estate, dopo i contatti speranzosi tra Mr. Bee e Berlusconi, il club rossonero non badò a spese, mettendo sul piatto novanta milioni di euro circa e regalando a Mihajloivic: Bacca, Luiz Adriano, Romagnoli, Bertolacci, Kucka e Balotelli, tornato al Milan in prestito dai Reds. E qui si torna alle considerazioni iniziali. Questi giocatori forse sono stati pagati troppo, ma sicuramente sono tutti buoni/ottimi elementi. Perché quindi l'undici rossonero continua a stentare? I problemi sono radicati negli ultimi anni, tra scelte fallaci, problematiche societarie, continui esoneri e pazienza inestitente. Proprio questo ultimo aspetto va modificato per poter sperare in un'auspicata rinascita, augurandosi che gli errori del passato possano aiutare a non inciampare di nuovo.


Altre notizie - Primo Piano
Altre notizie
 

22 MAGGIO 2039. NON PRENDETE IMPEGNI PER QUELLA DATA

22 maggio 2039. Non prendete impegni per quella dataUna spina e due rose. La partita di Torino ha evidenziato la grandezza di Gianluigi Donnarumma e la crescita di Manuel Locatelli. Devo essere sincero. Io, grande ammiratore di Diego Lopez, avevo giudicato, con qualche apprensione, la decisione di affidare la porta rossonera ...
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
PHOTOGALLERY MN - Abate e Montolivo firmano autografi al Meet&Greet con i tifosiEcco le foto di Ignazio Abate e Riccardo Montolivo intenti a firmare autografi ai tanti tifosi presenti a Casa Milan per il Meet&Greet con i due calciatori rossoneri, impreziosito dalla presenza della Supercoppa Italiana vinta a Doha.
Torino-Milan 2-2 (1)

ESCLUSIVA MN - PADRE-AGENTE SUSO: “VUOLE RINNOVARE COL MILAN, HA TROVATO FIDUCIA E CONTINUITÀ”

ESCLUSIVA MN - Padre-agente Suso: “Vuole rinnovare col Milan, ha trovato fiducia e continuità”Continua a prendersi applausi e riconoscimenti Suso, elemento insostituibile per l’attacco di Vincenzo Montella. E’ lui...

MILAN-DEULOFEU, PROVA DI FORZA CON L’EVERTON. SI APRE UNO SPIRAGLIO

Milan-Deulofeu, prova di forza con l’Everton. Si apre uno spiraglioIl Milan non ha nessuna intenzione di abbandonare la pista Gerard Deulofeu. Sono giorni di contrattazioni molto intensi, ieri...

PAGELLE - DONNARUMMA DECISIVO, SUSO È SEMPRE IMPORTANTE. DISASTRO ROMAGNOLI

Pagelle - Donnarumma decisivo, Suso è sempre importante. Disastro RomagnoliQueste le pagelle di Torino-Milan: Donnarumma 7: sui gol del Torino può poco, anche perché sono due...

VIAREGGIO CUP, IL MILAN PARTECIPERÀ ALL'EDIZIONE 2017: ECCO LE DATE

Viareggio Cup, il Milan parteciperà all'edizione 2017: ecco le dateL'anno scorso la Viareggio Cup del Milan si era conclusa agli ottavi di finale contro la Juventus, attuale detentrice del...

SONDAGGIO MN - IN QUALE ZONA DEL CAMPO INVESTIRESTE?

Sondaggio MN - In quale zona del campo investireste?Luiz Adriano potrebbe lasciare il Milan nella sessione di mercato invernale che sta per cominciare. Una volta superate le...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 Gennaio 2017.
   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI