Dal plumbeo umore azzurro all'entusiasmo svizzero: Rodriguez e la scossa Mondiale per tutto il Milan

 di Matteo Calcagni Twitter:   articolo letto 10343 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Dal plumbeo umore azzurro all'entusiasmo svizzero: Rodriguez e la scossa Mondiale per tutto il Milan

Le lacrime e la delusione di San Siro, degli azzurri e di tutti gli italiani, rappresentano una ferita che il nostro movimento sentirà pulsare per molto tempo, non solo a livello di Nazionale. I sorrisi scarseggiano anche nei club, Milan compreso, team inevitabilmente molto legato al destino dell'Italia. Eppure bisogna ripartire, perché il fallimento sia soltanto un ricordo e dia uno slancio ulteriore a livello motivazionale. Il dispiacere italico contrasterà con la felicità di Kalinic e soprattutto Rodriguez, quest'ultimo protagonista e salvatore della Svizzera per la qualificazione al Mondiale russo.

L'ENTUSIASMO DELL'UOMO DECISIVO - Proprio dal nativo di Zurigo potrebbe arrivare l'entusiasmo necessario per togliersi di dosso le scorie azzurre, in una settimana fondamentale anche a livello psicologico, visto il tenore della gara che dovrà essere preparata in quel di Milanello. Per uscire indenni (o perché no vincitori) dal San Paolo, il Milan dovrà scendere in campo con un piglio migliore rispetto al Napoli, affrontando la gara con determinazione, convinzione e consapevolezza dei propri mezzi. E chi meglio di Rodriguez, capace di decidere una doppia sfida da dentro/fuori potrebbe dare lo slancio alla compagine rossonera?

DALLA SVIZZERA AL MILAN - Il terzino svizzero, se escludessimo la grave macchia del derby, ha fin qui disputato una stagione nel complesso positiva, tenedo conto anche del comprensibile periodo di adattamento per chi arriva da un altro campionato. Parliamo di uno dei giocatori fin qui più schierati da Montella, dietro soltanto a Donnarumma, Kessie e Bonucci: non una cosa da poco, se consideriamo quanto è difficile per un laterale straniero avere subito una considerevole continuità nel nostro calcio. L'autostima dopo il rigore e il salvataggio contro l'Irlanda del Nord gli saranno utili per compiere un ulteriore step e rendersi ancora di più protagonista, anche con la maglia del Milan.