Dopo Kessié, ora Keita: il Milan è pronto allo scontro con la Juventus

 di Pietro Mazzara Twitter:   articolo letto 55140 volte
© foto di Federico Gaetano
Dopo Kessié, ora Keita: il Milan è pronto allo scontro con la Juventus

Il primo messaggio è stato recapitato alla Roma con l’accordo totale, con Atalanta e giocatore, con Franck Kessié, che la società giallorossa aveva opzionato a gennaio in vista dell’estate. Il secondo è arrivato tramite la definizione dell’accordo col Wolfsburg per Ricardo Rodriguez e ora potrebbe esserci un terzo braccio di ferro, questa volta con la Juventus per Keita. Ma andiamo con ordine.

INTERESSE -  I bianconeri e i rossoneri hanno messo nel mirino il gioiello della Lazio e questa possibile guerra tra le due big, potrebbe fare il gioco al rialzo di Claudio Lotito, che proverà così a monetizzare al massimo la cessione di Keita. Il Milan lo vuole per dare a Montella un attaccante in grado di poter giocare sia nel 4-3-3 sia nel 3-5-2 mentre i bianconeri vorrebbero prenderlo per sopperire all’eventuale partenza di Mario Mandzukic, che dopo una seconda parte di stagione alla Eto’o potrebbe chiedere di andar via per tornare a fare la prima punta. Insomma, motivi più che validi per entrambe le squadre, che hanno la disponibilità economica per poter soddisfare sia le richieste di Lotito sia quelle del giocatore.

PRESSING -  La Juve, negli ultimi giorni, ha alzato il livello della pressione con il giocatore e l’entourage mentre il Milan, da mesi, è in contatto con l’agente del ragazzo. Keita è un pallino di Mirabelli da anni e Montella ha benedetto subito il suo nome come rinforzo per l’attacco. Il braccio di ferro, che potrebbe ricordare molto i duelli degli anni ’80 e ’90, potrebbe prendere forma nelle prossime settimane, con il Milan che vorrebbe anche lavar via l’onta della vicenda Pjaca di un anno fa, praticamente preso, ma poi non chiuso per mancanza di fondi e accasatosi alla Juventus.