Miha deve decidere chi affiancare a Bacca: tra ballottaggio e possibili soluzioni alternative

 di Thomas Rolfi Twitter:   articolo letto 18160 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Miha deve decidere chi affiancare a Bacca: tra ballottaggio e possibili soluzioni alternative

Il Milan domenica alle 12.30 scenderà in campo contro il Genoa dopo una settimana iniziata non nel migliore dei modi dal punto di vista dell'infermeria. Il comunicato dell'8 febbraio riferiva infatti di infortuni per due giocatori oltre a Bonaventura (problema accusato la settimana prima): Kucka e Niang. Se lo slovacco non ci sarà al 100% contro la sua ex squadra, lo stesso non si può dire per M'Baye Niang, uscito acciaccato dalla sfida contro l'Udinese, ma che sta facendo di tutto per recuperare

BALLOTAGGIO DAVANTI - Nella seduta d'allenamento di oggi l'attaccante francese ha svolto lavoro-atletico personalizzato, aumentando i ritmi rispetto a giovedì, ma non essendosi ancora aggregato con il gruppo. Con ogni probabilità nella seduta di rifinitura di domani Niang svolgerà l'allenamento con i compagni. Non sembra, comunque, impensabile che Mihajlovic decida di concedere un turno di riposo dal primo minuto all'ex Genoa, avendo giocato molto negli ultimi mesi e con il Milan atteso dal Napoli nella partita successiva. Qualora Niang non ce la dovesse fare, ecco che si aprirebbero le porte della titolarità per Mario Balotelli. L'attaccante italiano non ha convinto nei minuti che gli ha concesso ultimamente il tecnico serbo. Tornare a sentirsi titolare, anche se per una sola partita, potrebbe fare la differenza in positivo.

LE ALTRE SOLUZIONI - L'attaccante italiano, però, non ha ancora i 90 minuti nelle gambe e quindi sarà probabilmente necessaria una staffetta per farlo rifiatare. A quel punto potrebbe tornare in gioco anche Luiz Adriano, rientrato in settimana dopo i postumi sofferti a seguito del trauma al costato e disponibile a tutti gli effetti, magari per risolvere la gara come contro Empoli e Sassuolo. Come ultima soluzione, infine, quella che prevede l'inserimento di Kevin-Prince Boateng accanto a Bacca. In quella posizione il Boa 2.0 ha fatto vedere le migliori cose, a Roma contro i giallorossi e segnando a San Siro il gol che ha chiuso i giochi con la Fiorentina.