VERSIONE MOBILE
tmw
 Martedì 23 Settembre 2014
PRIMO PIANO
23 Set 2014 20:45
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Empoli   Milan
[ Precedenti ]
MILAN-JUVENTUS, IL MIGLIORE IN CAMPO
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

Sei Bellissima - Carletto
PRIMO PIANO

Milan-Dzeko: un flirt che dura dal 2008

15.07.2012 12:00 di Gaetano Mocciaro  articolo letto 14056 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Per la serie: "A volte ritornano". Edin Dzeko, il Milan e un matrimonio che se tre anni fa non s'aveva da fare stavolta potrebbe finalmente celebrarsi. In modi e condizioni decisamente diversi e per una serie curiosa di coincidenze.

Facciamo un passo indietro e catapultiamoci a giovedì 17 dicembre 2008: il Milan, quell'anno in Coppa Uefa, ha in programma la sfida a San Siro contro il Wolsfburg degli italiani Zaccardo e Barzagli. I rossoneri non riusciranno ad andare oltre il 2-2 con gol per i tedeschi proprio dell'attuale difensore del Parma. Ma a colpire maggiormente in quella serata fu un attaccante dalla fisicità imponente, che nessun difensore rossonero riusciva a contrastare e che in più di un occasione ha creato scompiglio. Il suo nome? Edin Dzeko, bosniaco di soli 22 anni che il Wolsfburg era andato a pescare appena un anno prima dal campionato ceco. I dirigenti del Milan quella sera si segnarono il suo nome.

E quel nome fu riproposto proprio a fine stagione. È l'anno dei cambiamenti forti: lascia Ancelotti, lascia Paolo Maldini e soprattutto lascia Kakà per una cifra iperbolica che va a coprire il buco di bilancio. Per la ricostruzione panchina affidata a Leonardo e per la sostituzione dell'asso brasiliano si punta decisi proprio su Dzeko, che nel frattempo parla anche di amore verso i colori rossoneri sin da quando era bambino in Bosnia. Ci sarebbe persino l'accordo già trovato col giocatore e l'acquisto sembrerebbe in dirittura d'arrivo.

Peccato che il Wolsfburg grazie ai gol proprio di Dzeko si è laureato campione di Germania e si appresta a giocare per la prima volta in Champions League. Ergo, il club della Volkswagen non ha la minima intenzione di privarsi del suo gioiello e soprattutto non ne ha la necessità economica per farlo.  Nessun negoziato resta possibile, Dzeko resta e il Milan è costretto a guardare altrove, trovando nel finale di mercato Klas-Jan Huntelaar.

Il Wolfsburg riuscirà a tenere Dzeko fino al gennaio del 2011, non senza averlo valorizzato per bene. Acquistato nel 2007 per 4 milioni viene ceduto al Manchester City per 35, fortemente voluto da Roberto Mancini. Il primo anno non è dei migliori e l'adattamento della punta al calcio inglese è lento, appena 2 gol in 15 partite e la forte sensazione oltremanica di aver preso un abbaglio.

La stagione appena passata è quella del riscatto: gioca 43 partite e segna 20 gol. Una rete, pesantissima, contribuisce fortemente  allo scudetto più incredibile della storia: è suo il 2-2 al 91' contro il QPR che diventerà infine 3-2 al 93' con Aguero. Basterebbe questo per entrare nel circolo degli immortali, invece non bastassero Balotell, Tevez, Silva e Aguero le voci di mercato di questa estate vedrebbero i citizens vicini a Robin van Persie. Decisamente in troppi per il reparto avanzato ed ecco che all'altare dei sacrificati potrebbe essere proprio lui.

Niente di meglio per il Milan che si rassegna a perdere Ibrahimovic e come tre anni fa si ritrova a incassare una cifra notevole da poter, almeno in parte, reinvestire: i dirigenti puntano a Tevez ma il gradimento di Allegri è nei confronti del bosniaco. E d'altronde spulciando l'attacco rossonero notiamo che fra Pato, Robinho, Cassano ed El Shaarawy più che l'argentino è proprio Dzeko, con la sua fisicità, potenza e abilità nel gioco aereo che manca a un reparto di tanta fantasia ma poca esplosività. Il City, a differenza del Wolfsburg, è disposto a trattare e chissà che non si possa concretizzare un vero e proprio affare.

Segui l'autore su Twitter: @gaemocc


Altre notizie - Primo Piano
Altre notizie
 

RADIOGRAFIA DI UNA SCONFITTA: 8 TEMI SU CUI RIFLETTERE PER RIPARTIRE

Espletati gli obblighi contrattuali dei commenti radiofonici “A botta calda”, mi sono volutamente preso 24 ore utili alla decompressione prima di mettere giù qualche riflessione su Milan-Juventus. Che non fosse un semplice incontro di calcio, per quanto ricco d...
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
La partita contro la Juventus è stata l’apripista nel percorso di presa di coscienza delle reali possibilità del Milan. Non tanto da parte di mister Inzaghi o della società di via Rossi. Ritengo che le scelte fatte dall’allenatore,...
Milan-Juventus 0-1 (2)

ESCLUSIVA MN - ROSSI: "INZAGHI HA TRASFORMATO IL MILAN IN UN BATTAGLIONE DI COMBATTENTI, PUÒ PIAZZARSI TRA LE PRIME QUATTRO. MENEZ? TROVATO L'AMBIENTE GIUSTO"

Si avvicina la supersfida tra Milan e Juventus, big match che testerà le ambizioni dei rossoneri per questa stagione....

PAGELLE - EL SHAARAWY MAI IN GARA, MENEZ TROPPO SOLO. CENTROCAMPO IN BALIA DI POGBA E COMPAGNI

Abbiati 6,5 - Salva su Lloente alla mezz'ora del primo tempo chiudendo lo specchio della porta in uscita bassa. Sul gol...

PRIMAVERA, BRESCIA-MILAN 0-2: IL TABELLINO

Questo il tabellino dell'incontro dei ragazzi mister Brocchi: Brescia: Tognazzi; Boniotti, Venturi, Mozzanica, Rocchi,...

DI NUOVO IN CAMPO PER SMALTIRE LA DELUSIONE

Giocare ogni tre giorni in questa stagione sarà un'eccezione e non una regola per il Milan, escluso dalle coppe...

PARMA-MILAN, IL MIGLIORE IN CAMPO: DOMINA MENEZ

Intervenuti tramite sondaggio, i lettori di MilanNews.it hanno indicato il migliore in campo di Parma-Milan. Vittoria...

LA LETTERA DEL TIFOSO: "SAN SIRO BIANCONERO, VERGOGNA!" DI MATTEO

Buongiorno, volevo esprimere il mio totale disappunto per le continue scelte della società MILAN, ora non vogliam...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 Settembre 2014.
One di Dario Paolillo
CrozzoPizzo.it
   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy