Domenica 20 Aprile 2014
PRIMO PIANO
25 Apr 2014 20:45
Serie A TIM 2013-2014
  VS  
Roma   Milan
[ Precedenti ]
MILAN-LIVORNO, IL MIGLIORE IN CAMPO
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

Daily Network
© 2014
PRIMO PIANO

Milan-Dzeko: un flirt che dura dal 2008

15.07.2012 12:00 di Gaetano Mocciaro  articolo letto 13983 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Per la serie: "A volte ritornano". Edin Dzeko, il Milan e un matrimonio che se tre anni fa non s'aveva da fare stavolta potrebbe finalmente celebrarsi. In modi e condizioni decisamente diversi e per una serie curiosa di coincidenze.

Facciamo un passo indietro e catapultiamoci a giovedì 17 dicembre 2008: il Milan, quell'anno in Coppa Uefa, ha in programma la sfida a San Siro contro il Wolsfburg degli italiani Zaccardo e Barzagli. I rossoneri non riusciranno ad andare oltre il 2-2 con gol per i tedeschi proprio dell'attuale difensore del Parma. Ma a colpire maggiormente in quella serata fu un attaccante dalla fisicità imponente, che nessun difensore rossonero riusciva a contrastare e che in più di un occasione ha creato scompiglio. Il suo nome? Edin Dzeko, bosniaco di soli 22 anni che il Wolsfburg era andato a pescare appena un anno prima dal campionato ceco. I dirigenti del Milan quella sera si segnarono il suo nome.

E quel nome fu riproposto proprio a fine stagione. È l'anno dei cambiamenti forti: lascia Ancelotti, lascia Paolo Maldini e soprattutto lascia Kakà per una cifra iperbolica che va a coprire il buco di bilancio. Per la ricostruzione panchina affidata a Leonardo e per la sostituzione dell'asso brasiliano si punta decisi proprio su Dzeko, che nel frattempo parla anche di amore verso i colori rossoneri sin da quando era bambino in Bosnia. Ci sarebbe persino l'accordo già trovato col giocatore e l'acquisto sembrerebbe in dirittura d'arrivo.

Peccato che il Wolsfburg grazie ai gol proprio di Dzeko si è laureato campione di Germania e si appresta a giocare per la prima volta in Champions League. Ergo, il club della Volkswagen non ha la minima intenzione di privarsi del suo gioiello e soprattutto non ne ha la necessità economica per farlo.  Nessun negoziato resta possibile, Dzeko resta e il Milan è costretto a guardare altrove, trovando nel finale di mercato Klas-Jan Huntelaar.

Il Wolfsburg riuscirà a tenere Dzeko fino al gennaio del 2011, non senza averlo valorizzato per bene. Acquistato nel 2007 per 4 milioni viene ceduto al Manchester City per 35, fortemente voluto da Roberto Mancini. Il primo anno non è dei migliori e l'adattamento della punta al calcio inglese è lento, appena 2 gol in 15 partite e la forte sensazione oltremanica di aver preso un abbaglio.

La stagione appena passata è quella del riscatto: gioca 43 partite e segna 20 gol. Una rete, pesantissima, contribuisce fortemente  allo scudetto più incredibile della storia: è suo il 2-2 al 91' contro il QPR che diventerà infine 3-2 al 93' con Aguero. Basterebbe questo per entrare nel circolo degli immortali, invece non bastassero Balotell, Tevez, Silva e Aguero le voci di mercato di questa estate vedrebbero i citizens vicini a Robin van Persie. Decisamente in troppi per il reparto avanzato ed ecco che all'altare dei sacrificati potrebbe essere proprio lui.

Niente di meglio per il Milan che si rassegna a perdere Ibrahimovic e come tre anni fa si ritrova a incassare una cifra notevole da poter, almeno in parte, reinvestire: i dirigenti puntano a Tevez ma il gradimento di Allegri è nei confronti del bosniaco. E d'altronde spulciando l'attacco rossonero notiamo che fra Pato, Robinho, Cassano ed El Shaarawy più che l'argentino è proprio Dzeko, con la sua fisicità, potenza e abilità nel gioco aereo che manca a un reparto di tanta fantasia ma poca esplosività. Il City, a differenza del Wolfsburg, è disposto a trattare e chissà che non si possa concretizzare un vero e proprio affare.

Segui l'autore su Twitter: @gaemocc


Altre notizie - Primo Piano
Altre notizie
 

QUANTO VELENO SU SEEDORF, MA IL PROBLEMA E' UN ALTRO...

Non ha piu' il sorriso dei tempi migliori Clarence Seedorf. L'espressione mogia esibita negli ultimi tempi in conferenza stampa e'quella di chi ne ha viste tante e ha gia' capito il suo destino. Strano il calcio eh? Ti chiamano mentre stai ancora giocando in ...
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
Seedorf glissa, in conferenza stampa, quando vengono fatte le domande relative al suo futuro. O meglio: lui si dichiara l’allenatore del Milan anche nella prossima stagione, a meno che non squilli il numero rosso, quello che lo mette in comunicazione diretta con Silvio Berl...
Milan-Catania 1-0

ESCLUSIVA MN - BELLINAZZO (IL SOLE 24 ORE): "BILANCIO 2013: UNA NOTIZIA POSITIVA E UNA NEGATIVA. IL TIFOSO SI SCORDI IL TOP PLAYER"

Ai microfoni di MilanNews.it il giornalista de Il Sole 24 Ore Marco Bellinazzo commenta il bilancio del club appena approvato...

BALOTELLI FA IL BOMBER, TAARABT STRAPPA APPLAUSI E CONSENSI. CONSTANT ASSIST-MAN, BENTORNATO PAZZO

Abbiati 6 - Mai chiamato in causa per l'intera durata del match, partita da vero spettatore. Abate 6 - Spinge molto su...

PRIMAVERA, LE FORMAZIONI UFFICIALI DI MILAN-VERONA: PETAGNA DAL PRIMO MINUTO, EL SHAARAWY IN PANCHINA

Ecco le formazioni ufficiali di Milan e Verona: MILAN: Gori, Calabria, Tamas, Pacifico, Modic, Simic, Pinato, Mastalli, Pe...

IL DIAVOLO CALA IL POKER

Il Milan di Clarence Seedorf sta lentamente cambiando e maturando: la vittoria contro il Catania, sofferta e stentata, dimost...

EUROPA LEAGUE, I LETTORI DI MILANNEWS.IT CREDONO NELLA RIMONTA

I lettori di MilanNews.it, intervenuti tramite sondaggio prima di Genoa-Milan, hanno espresso parere ottimistico in relazione...

LA LETTERA DEL TIFOSO: "RIPARTIAMO DAI GIOVANI" DI LEONARDO

Cari amici di Milan news, scrivo non per lamentarmi perché tanto ormai si è  capito che è solo fi...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 20 Aprile 2014.
   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy