Milan e Gattuso, i collezionisti. Riparte la caccia all'unico trofeo mancante: pass per un circolo leggendario

 di Daniele Castagna Twitter:   articolo letto 15772 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Milan e Gattuso, i collezionisti. Riparte la caccia all'unico trofeo mancante: pass per un circolo leggendario

Sofia e Razgrad, Vitocha e Ludogorets. La storia rossonera ciclicamente si ripete. 29 anni 5 mesi e 18 giorni dopo, il Diavolo torna in quella Bulgaria che, nella memoria, è sinonimo del primo passo europeo di Arrigo Sacchi milanista. La prima traccia di un percorso irripetibile, diretto al tetto del mondo senza biglietto di ritorno. Quasi tre decadi dopo, Gennaro Gattuso torna dalle parti dove tutto è cominciato, lontano circa 350 chilometri dalla capitale bulgara ma comunque nella culla dei ricordi meneghini. Nel catino della Ludogorets Arena, ristrutturata nel 2014, riparte la caccia grossa di Rino ed il suo Milan: nel mirino l'unico trofeo che manca, ad entrambi, per completare il grande slam. 

COLLEZIONISTA - Subentrato in corsa a Vincenzo Montella, "Ringhio" ha saputo imporre velocemente le proprie idee. Un nuovo sceriffo in città, o meglio dire a Milanello, trovando però totale gradimento in spogliatoio. Gattuso ha unito il vecchio e il nuovo Milan, portato una preparazione atletica eccellente e ristabilito il 4-3-3, cancellando dai computer di bordo il tentativo fallito di difesa a 3. Passi facili, quasi intuitivi, ma fondamentali per porre le fondamenta del ritrovato Diavolo, tornato a far paura sotto il suo controllo. E scorrendo il palmares del nativo di Corigliano Calabro, stiate pur certi che (avendone l'occasione) cercherà di aggiungere l'unico trofeo assente, l'ultima figura mancante di album interamente completato: l'Europa League. Gennaro ha vinto tutto, nel vero significato della parola: campionato Primavera (x2), Scudetto (x2), Supercoppa italiana (x2), Coppa Italia, Champions League (x2), Supercoppa UEFA (x2), Coppa del Mondo per Club, Europei U-21 e Mondiale. Ne manca solo una...

IL CERCHIO MAGICO - Discorso facilmente applicabile anche per il club che Rino ha risollevato, il suo Milan. Dal 1899 ad oggi, i Diavoli di Herbert Kilpin hanno saputo imporsi in ogni competizione, italiana continentale e mondiale. Solo l'Europa League manca all'appello. E quale occasione migliore quella di giovedì per tornare affamati in campo europeo? Il Ludogorets, campione di Bulgaria in carica, sarà la prima tappa con direzione Lione. Un viaggio certamente ostico verso la finale, ma non impossibile. Come dimostrano i recenti casi di Ajax, Dnipro, Benfica, Athletic, Braga, Fulham, Werder e Rangers: tutte arrivate all'ultimo stage della competizione pur avendo una rosa inferiore (in alcuni casi anche nettamente) del Milan attuale. Una caccia al titolo e anche al pass per la gloria, quella che porterebbe il Milan nell'élite assoluta: sono infatti solo cinque le squadre che hanno completato il grande slam nella storia del calcio, vincendo Champions League, Europa League e Coppa delle Coppe. Ajax, Bayern Monaco, Chelsea, Juventus e Manchester United aspettano il Milan, a cui manca solo il trofeo più pesante di tutti. Quei 15 chili di argento e marmo che cementificherebbero, per sempre, lo status euro-mondiale della società di via Aldo Rossi.