Montolivo-Bertolacci-Kucka, 2 gol in tre: i problemi del Milan non dipendono solo dall'attacco

 di Salvatore Trovato  articolo letto 10228 volte
Montolivo-Bertolacci-Kucka, 2 gol in tre: i problemi del Milan non dipendono solo dall'attacco

Il Milan segna poco (o meglio, lo fa solo Bacca), ma non è tutta colpa degli attaccanti. I problemi cominciano più dietro. È il centrocampo il vero punto debole di una squadra povera di idee e con scarsa qualità. E le statistiche non mentono: tralasciando le comparse De Jong e Nocerino, ma escludendo anche Poli (appena 14 presenze, solo 3 da titolare), Mihajlovic ha alternato Montolivo, Bertolacci e Kucka. Ebbene, in tre hanno segnato la miseria di due gol.

TIRI E OCCASIONI - Mihajlovic ha ribadito più volte che uno dei problemi del Milan è la scarsa concretezza sotto porta. Il punto, però, è che i centrocampisti centrali ci provano anche poco. Bertolacci, ad esempio, ha colpito un paio di pali (uno clamoroso contro il Chievo), ma in tutto il campionato ha tirato undici volte, palesando, fra l’altro, evidenti limiti di personalità. Montolivo, dal canto suo, badando più al recupero palla, calcia molto meno da fuori area rispetto al passato. Kucka, invece, correndo tanto, entra spesso in area, ma la lucidità gli fa difetto: su diciassette occasioni avute sul suo piede (o sulla sua testa), ne ha messo dentro solo una.

POCHI ASSIST - È vero, il 4-4-2 è un modulo che non aiuta i centrocampisti centrali ad andare in porta, ma anche l'apporto in termini di costruzione del gioco non è esaltante. Del resto, le azioni rossonere passano tutte per i piedi di Honda e Bonaventura. Non è un caso che Montolivo abbia regalato un solo assist decisivo, così come Bertolacci (a Bacca nell'1-1 di Torino). Kucka, invece, è a quota due, ma non cambia molto la sostanza. Insomma, se il Milan segna poco, non è solo demerito delle punte.