Elliott-Arnault, firmato patto di riservatezza. Società divisa, servirà un'altra rivoluzione. Se salta Ibra...

01.12.2019 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    Vedi letture
Elliott-Arnault, firmato patto di riservatezza. Società divisa, servirà un'altra rivoluzione. Se salta Ibra...

In settimana nei telegiornali di tutto il mondo ha trovato grande risalto la notizia dell'acquisizione di Tiffany per 16 miliardi di dollari da parte del gruppo del lusso LVMH di Bernard Arnault, magnate francese già accostato al Milan. La notizia ha stimolato di nuovo le speranze dei tifosi, che sognano anche il loro club, dopo Tiffany, tra le proprietà dell'imprenditore. Agli atti fin qui indiscrezioni e successive smentite dall'entourage dell'imprenditore, il cui patrimonio è stimato in un centinaio di miliardi di dollari. La trattativa risulta essere ancora viva e procedere dopo la prima manifestazione d'interesse (questa estate l'avevamo raccontato per primi a Telelombardia). Lo scorso giovedì 7 novembre a Parigi alle 16.15 è stato firmato un NDA (non-disclosure agreement), cioè un patto di riservatezza tra le parti. In attesa della consueta smentita (obbligata, di facciata, chiamatela come volete), si tratta di un passo importante che testimonia la volontà immutata da parte di Arnault di investire nel Milan. Il tutto procede a rilento per via delle difficoltà del club sul nuovo stadio: asset fondamentale per la futura rivendita da parte di Elliott. Questo non significa assolutamente che il passaggio di proprietà andrà sicuramente in porto, anzi. Ma è una piccola speranza che, senza illudersi, si può ancora coltivare: visti i tempi, è già qualcosa.

Per l'ennesima volta siamo di fronte a divergenza di vedute all'interno della Società. Da una parta Maldini e Boban che spingono per Ibrahimovic, dall'altra Gazidis che preferirebbe puntare sui giovani. E' soltanto un esempio che però deve far riflettere sulla struttura societaria del Milan. Troppe teste uguale troppe idee, uguale confusione. In estate servirà l'ennesima rivoluzione a livello dirigenziale: la speranza è che si vada verso una struttura finalmente snella e ben definita (oltre che esperta). In questo senso il club sta ancora pagando gli errori della vecchia gestione a due Galliani-Barbara Berlusconi. L'ad Gazidis invoca il modello Atalanta: squadra che sta facendo sicuramente molto meglio dei rossoneri, ma che non può essere presa come riferimento assoluto se hai la storia del Milan. Puntare sui giovani è giusto, ma servono anche giocatori d'esperienza: la squadra lo sta toccando con mano. Il peccato è che nel momento storico di così grande proliferazione di talenti italiani, il club non abbia la forza per strapparli alla concorrenza: Barella e Sensi sono andati e presto lo saranno anche Chiesa, Zaniolo e Tonali. Puntare sui giovani migliori sì, ma non soltanto a parole: per questo serve uno sforzo da parte della Proprietà, che difficilmente arriverà.

Manca anche l'esperienza, dicevamo, ma la si può acquisire in tanti modi, non soltanto bussando continuamente alle porte del 38enne Ibrahimovic. Sul tema è il caso di trovare anche un exit strategy nel caso lo svedese alla fine dicesse no alle lusinghe rossonere. Soprattutto dopo le recenti di dichiarazioni di Zlatan, una fumata nera sarebbe difficilmente sopportabile da parte della grande maggioranza del popolo milanista (escluso il sottoscritto).