"Gattuso se ne va" e la squadra ha mollato: adesso rispettate la storia, onorate la maglia e meritatevi questi tifosi

26.04.2019 00:00 di Luca Serafini Twitter:    Vedi letture
"Gattuso se ne va" e la squadra ha mollato: adesso rispettate la storia, onorate la maglia e meritatevi questi tifosi

Il Milan resta il 3° club più titolato al mondo al pari del Boca Junior dietro al Real Madrid e gli egiziani del Al-Ahli. Non è una statistica cruda: è il riassunto della storia di questa società che compie 120 anni di vita. Attraverso vittorie e trionfi esaltanti, ma anche sconfitte cocenti e momenti di buio profondo. Nessuno se lo dimentichi. Concluso il trentennio leggendario di Berlusconi, dopo un lustro decadente culminato con la farsa del closing, oltre a una squadra ridotta ai minimi termini andava ricostruita una mentalità evaporata. Consapevole del declino, ci avevano provato (in un rigurgito di amor proprio) i vecchi proprietari con Leonardo, Seedorf, Inzaghi e Brocchi. In ultimo Rino Gattuso promossa dalla staffetta Mirabelli. Il lavoro di Ringhio in questo senso è indiscutibile, ma la personalità di qualche bamboccio che oggi veste la maglia rossonera, non è comunque cresciuta di un centimetro e sembra che la lezione non sia stata affatto imparata: poca voglia di sacrificarsi e nessun progresso nemmeno dal punto di vista tecnico. Da 2 mesi, al di là dei risultati, viene meno anche lo spirito per combattere verso un traguardo vitale per le strategie societarie e per la sete dei tifosi. Persino durante la striscia delle 5 vittorie consecutive l'impressione che i leoni si fossero trasformati in mammolette, è stata forte e sgradevole. 

Che cosa si sia rotto in quel legame che ha unito l'allenatore al gruppo, è facile da intuire: a un certo punto della stagione èstato chiaro a tutti, nello spogliatoio, che questo non sarà l'allenatore del futuro. E l'empatia è andata a farsi benedire. E' chiaro ed evidente che a Rino Gattuso, per sua stessa ammissione il peggior allenatore della serie A sia pure miracolosamente quarto, sia venuta a mancare fiducia nelle prime come nelle seconde scelte. Nei suoi pupilli come nei suoi reietti. Troppo scadente la condizione di Suso da novembre in poi, troppo modesto a ondivago il rendimento di Calahnoglu, troppo limitati Rodriguez e Borini che pure ce la mettono tutta, poco incisivi Castillejo (almeno ha grande buona volontà) e Laxalt, troppo precaria la forma di Conti. Troppi infortuni. Gattuso ha provato almeno a cambiare lo spartito, calamitandosi critiche a tonnellate e non ricevendo nessuna risposta concreta dalla squadra. La quale ha mollato proprio in coincidenza con il vociferare a proposito del suo addio a fine stagione, come spesso accade nelle scolaresche quando c'è il supplente e invece di andare in classe, vanno al bar o al parco.

Gattuso ha colpe. Molte. E' acerbo, inesperto, troppo incline all'autoflagellazione, rigido nella scelta e nella difesa dei suoi pupilli e questo si trasforma in merito soltanto se vinci e se loro ti rispettano. Vedere un corner su 100 (non è una statistica a caso) battuto in grazia di Dio, non vedere lo straccio di una punizione - in tutte le competizioni - che metta in difficoltà la difesa o (addirittura) il portiere avversario, sono limiti che bisogna cancellare. Non smetterò mai di pensare però che sia stata una manna averlo in questa fase storica per i suoi valori di uomo, milanista e lavoratore indefesso. Non esiste controprova che un mago (quale?) avrebbe fatto meglio di questo 4° posto (a prescindere dai demeriti degli altri, perché qualcuno sembra non essersi accorto dei lunghi momenti di black-out subìti da Napoli, Inter, Roma, Lazio e la stessa Atalanta). Tutti ne hanno, di pause: chi ne ha meno sta davanti. 

Per i processi sommari ci sono i social. Per quelli di parte ci sono i media. Per quelli profondi che la società dovrà celebrare, ci sono ancora 5 partite. Quella di domenica sera vale 50 milioni: la Champions rossonera del 2019-20 passa per Torino. Bisogna viverla come un film sul football americano, o come “The fighter”, l’occasione di una vita che si prende o si butta via. E' ora di rispettare la storia, onorare la maglia, meritare l'amore viscerale di un pubblico impagabile che si è sentito mancare di rispetto, mercoledì sera come non mai. Se le avete, tirate fuori le palle. Tutti.