Higuain via dal Milan? L'ago della bilancia rimane la volontà dei rossoneri. Supercoppa: crederci senza paura. Mercato: Leo non può sbagliare scelte

14.01.2019 01:53 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di Pietro Mazzara
Higuain via dal Milan? L'ago della bilancia rimane la volontà dei rossoneri. Supercoppa: crederci senza paura. Mercato: Leo non può sbagliare scelte

La stucchevole situazione di Gonzalo Higuain proseguirà anche nei prossimi giorni, soprattutto dopo la Supercoppa di mercoledì sera, dove il Pipita dovrà scendere in campo con tutto quello che ha dentro per aiutare il Milan a vincere la finale contro la Juventus. Impresa ardua, è vero, ma anche due anni fa a Doha i rossoneri partivano da sfavoriti e poi sappiamo tutti come è andata a finire. Probabilmente la forbice tra le due squadre si è dilatata, ma poco cambia. Higuain è un giocatore del Milan e nonostante i mal di pancia, veri o presunti, dovrà rimanere in rossonero fino a quando Leonardo e Maldini non avranno trovato un suo eventuale sostituto. Cosa non facile a gennaio, visto che ci sono pochi profili che potrebbero prendere il suo posto (Piatek il più indicato e Preziosi non lo blinda). La palla rimane in mano al Milan, a meno che il Chelsea non presenti un’offerta irrinunciabile alla Juventus che porti i rossoneri a interrompere il prestito. Situazioni, dinamiche che si abbattono sulla preparazione della Supercoppa di dopodomani, dove il Pipita sarà titolare al centro dell’attacco per quella che in tanti indicano come la sua ultima in maglia rossonera. Da qui al 31 gennaio potrà succedere davvero di tutto, ma c’è una partita da giocare e un trofeo da contendere alla dittatrice del calcio italiano.

Per farlo, Gattuso ci proverà con i suoi uomini, quelli che si sono visti dall’inizio a Genova con due soli cambi, ovvero Donnarumma per Reina e Calabria per Abate. Con due armi dalla panchina, ovvero Patrick Cutrone e Andrea Conti. Certo, detta così sembra di parlare di una squadra con le fionde contro una che ha in mano le atomiche, però i due, sabato, hanno permesso al Milan di trovare la strada per i quarti di finale di Coppa Italia. Sempre meglio di niente, pensando anche al possibile rientro di Biglia, che avrà bisogno ancora di qualche settimana per essere a posto.

Rimane da capire se il Milan ha superato davvero il momento peggiore a livello fisico e mentale, anche se la perturbazione Higuain è ancora in atto. E poi c’è un mercato che procede in maniera lenta e inesorabile senza i prodromi di grandi colpi. Paquetà ha dimostrato di poter essere un giocatore utilissimo fin da subito e può diventare importante a stretto giro di posta, anche perché dopo Gedda andranno considerate bene le condizioni di Suso, alle prese con noie pubalgiche che non possono essere sottovalutate. Leonardo, al momento, ha visto il suo primo mercato estivo messo dietro la lavagna ed è evidente che ha un margine d’errore inferiore rispetto all’estate.