Le vere colpe del Milan di Gedda Sul mistero Higuain ci sono anche colpe del club

17.01.2019 00:00 di Franco Ordine   Vedi letture
Le vere colpe del Milan di Gedda Sul mistero Higuain ci sono anche colpe del club

 A leggere il fiume carsico delle reazioni del popolo milanista l’arbitro Banti é diventato l’unico, decisivo protagonista della supercoppa di Jedda. A scorrere certi giudizi é tornato sotto accusa anche Gigio Donnarumma, il portiere che solo qualche giorno prima é stato sollevato sulle spalle per unastriscia di prodezze. É il segno della delusione, naturalmente. Per fortunaRino Gattuso ha utilizzato un altro registro e in particolare ha polemizzato su un paio di episodi (fallo in area su Conti e fuorigioco inesistente fischiato a Cutrone) che sono polpa e sostanza e non polverone. Per questo motivo la prova di Gedda del Milan si presta ad altre considerazioni che qui possiamo e dobbiamo mettere in rigoroso ordine: 1) questa volta la squadra di Gattuso non ha fatto un possesso palla innocuo come qualche esponente di casa Milan sostiene in privato ma ha dato del filo da torcere alla Juve che ha giocato al piccolo trotto e che ha molto sbagliato nella mira in occasione delle azioni migliori; 2) Cutrone ha giocato una prova splendida, forse la migliore da quando é al Milan, perche riempita di contenuti, non solo di quel tiro che si è stampato sulla traversa; ha rincorso, conquistato palla, dato una mano al gruppo dimostrandosi dehno di sostituire il miaterioso assente Higuain; 3) la sconfitta é maturata sull’unica occasione avuta da CR7 davanti a Donnarumma che si è lasciato piegare le mani da un colpo di testa ravvicinato; 4) chi ha rovinato l’eventuale possibilità di risalire la chinaè stato Kessie con quello sciagurato intervento su Emre Can che ha ridotto la squadra in dieci. Prima di chiudere la questione supercoppa c’è da fare il punto sulla vicenda Higuain. A questo punto è forse meglio che vada via, che parta, he raggiuna Londra e il Chelsea e il suo amatissimo Sarri nella convinzione che solo quel gioco armonico può restituire a Gonzalo quello che fu l’inimitabile bomber napoletano. Non andrà cosi per cento altri motivi. Quello che si può e si deve constatare che forse sarebbe stato meglio evitaredi ettere all’ordine del giorno a poche ore da Gedda la questione calcio-mercsto provocando quel corto circuito interno ed esterno che ha ha dato risultati discutibili. Gattuso ha detto, come al solito, che é responsabilità sua la decisione di ma dare Higuain in panchina. Nessuno faccia finta di credetli, per favore.