Mercato: Depay e Morata sì grazie. Inter, Roma e PSG: dettagli trascurabili. Bravo SuperPippo, applausi anche a molti altri

15.06.2018 00:00 di Luca Serafini Twitter:   articolo letto 57421 volte
Mercato: Depay e Morata sì grazie. Inter, Roma e PSG: dettagli trascurabili. Bravo SuperPippo, applausi anche a molti altri

Anzitutto grazie di cuore alle decine di inviati in Russia che da Mosca e dintorni postano foto di piazze, palazzi, camere di hotel, piatti tipici, stadi, selfie con i campioni, ragazze. Grazie a Dio esiste ancora qualche collega che invece è lì a fare bene il suo lavoro e ci informa tempestivamente di quanto accade. E lo fa, pensate un po’, attraverso i servizi e reportage per la testata che lo paga, non sui propri social per qualche like. Mosca bianca. 

Complimenti a chi non credeva in Pippo Inzaghi per le 2 straordinarie stagioni a Venezia e in bocca al lupo a lui per la nuova avventura a Bologna, bravo davvero. Perdoni chi si è sbagliato sulle sue capacità: il Milan in 6 anni ha bruciato più panchine di un inceneritore. 

Applausi a Inter, Roma e PSG che in 2 minuti hanno convinto l’Uefa di avere i conti a posto salvo qualche trascurabile debituccio. 

Onore ai molti arrestati a Roma per gli inciuci schifosi legati alla costruzione del nuovo stadio, prima ancora della posa del primo mattone, e un invito: non preoccupatevi, presto si chiarirà questo gigantesco equivoco. 

Ovazione per Real, Lopetegui e la Federazione spagnola per avere appiattito i pronostici a sole 48 ore dall’inizio dei Mondiali: un triplice capolavoro di strategia. 

Ammirazione sconfinata per Mr. Li, il proprietario del Milan “trova” milioni e soci come noi troviamo cartelle esattoriali ogni giorno nella casella della posta. E una pacca sulla spalla a Mirabelli che insiste anche quest’anno nel fissare a giugno l’obiettivo Champions, non avendo ancora la certezza dell’Europa League.

E ora passiamo alle cose formali. Anche se, appunto, non condivido i proclami del DS rossonero, mi conforta il fatto che gli obiettivi di mercato restano attuali e condivisi con Gattuso. Depay (ottimo) e Morata (anche se preferisco Belotti) sarebbero i primi due colpi in grado davvero di spostare qualche equilibrio, ma non basterebbero da soli. Avanti dunque e se servono soldi, non c’e problemi: si trovano.