Mercato, si inizia a fare sul serio. Obiettivo Torreira, ma si dovrà lavorare sulla cifra. Giampaolo ha già in testa il suo Milan: occhio alle possibili evoluzioni di Calha e Suso

17.06.2019 00:00 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
Mercato, si inizia a fare sul serio. Obiettivo Torreira, ma si dovrà lavorare sulla cifra. Giampaolo ha già in testa il suo Milan: occhio alle possibili evoluzioni di Calha e Suso

 Prende sempre più forma il nuovo Milan, quello della ricostruzione targata Elliott. Ufficializzati Paolo Maldini e Zvonimir Boban, già oggi dovrebbero arrivare le nomine di Marco Giampaolo e di Frederic “Ricky” Massara, rispettivamente come allenatore e direttore sportivo milanisti. Si conclude così il nuovo rimpasto tecnico-dirigenziale, al quale il fondo della famiglia Singer ha dato il mandato di intraprendere un percorso non facile, che richiederà del tempo, per rendere il Milan un club auto sufficiente a livello economico, in grado di far crescere i propri fatturati e di tornare altamente competitivo in Italia e, successivamente, in Europa.

Sarà interessante capire, scoprire e imparare a conoscere la squadra che frulla nella testa di Giampaolo. Una squadra che dovrebbe partire con il 4-3-1-2 come modulo di base e con delle situazioni decisamente interessati. In primis quella di Suso. Lo spagnolo, che la scorsa settimana sembrava destinato a partire, adesso è segnalato verso la permanenza. Giampaolo, per lui, vede un impiego da mezzala o da trequartista, ma in quest’ultima posizione – alle spalle di due punte – sembra che Paquetà sia il favorito. Avere un Suso in mezzo al campo potrebbe essere curioso per noi e stimolante per lui, che nelle prossime settimane avrà un nuovo incontro per parlare del contratto. Ma a chi andranno affidate le chiavi della manovra? Il sogno è quello di prendere Lucas Torreira dall’Arsenal, per farlo ricongiungere con il suo maestro e affidargli la cabina di regia del Milan. In caso di impossibilità a tale pista, a Giampaolo sta frullando nella testa un’idea che in tanti hanno avuto nelle ultime settimane: Calhanoglu regista. Il turco ha il piede e la visione di gioco – oltre alla corsa – per stare in mezzo al campo a dettare legge. Deve esser lui, in primis, a convincersi dell’eventuale metamorfosi, ma se non dovesse arrivare un regista puro, senza considerare Biglia, lui potrebbe essere l’uomo giusto nella posizione giusta.

Per ciò che concerne il mercato, in questa settimana ci potrebbero essere dei movimenti, sia in entrata sia in uscita. La volontà della società è quella di mantenere Donnarumma e, come detto, Suso. Il sacrificabile è Franck Kessie, ma anche André Silva potrebbe finire nuovamente in uscita, soprattutto se Mendes dovesse potare qualche offerta economicamente vantaggiosa. A centrocampo Sensi, Praet e Torreira sono i nomi caldi, con il centrocampista del Sassuolo che ha fatto qualche passettino verso i rossoneri, ma occhio a possibili inserimenti di altri club su di lui. Per la difesa ci sarà un aggiornamento con Vlado Lemic per Lovren, che rimane il primo obiettivo per rinforzare un reparto che, a settembre, dovrebbe rivedere in gruppo anche Mattia Caldara.