Milan, che upgrade il mercato. E su Modric...

28.07.2019 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    Vedi letture
Milan, che upgrade il mercato. E su Modric...

Finalmente il mercato decolla. Per il Milan è una campagna acquisti chirurgica, la cui parola d'ordine è funzionalità. Parola magari non eccitante per i tifosi, ma terribilmente apprezzata dai tecnici, che poi è quello che conta.

Prima si vende, poi si compra.
In questo senso la fumata nera, sul più bello, tra Andrè Silva e il Monaco rappresenta un gran peccato. Ma il portoghese sarà comunque ceduto, sfruttando anche le capacità del suo manager.
Dispiace per Patrick Cutrone, ma è meglio così, per tutti.
Per lui che a 21 anni non può accettare di essere il Massaro di questa squadra (paragone comunque illustre), e per il Milan che necessita molto di più rispetto ai soli 3 gol da lui firmati nell'ultimo campionato.

In attesa delle ufficialità, via Silva dentro Correa rappresenterebbe un upgrade, così come il cambio Cutrone-Leao. Sul giocatore dell'Atletico (a segno ieri notte nella goleada al Real) personalmente ci sono dubbi sulle qualità realizzative. I numeri non sono entusiasmanti, la bellezza dei gol e le qualità sì. I suoi strappi mancano al Milan e pure la sua duttilità: seconda punta, ma anche intrigante come trequartista. A 24 anni può fare il salto di qualità.
Del portoghese Leao, invece, convincono anche i numeri, perché a 20 anni realizzare in Ligue1 8 gol in 1300 minuti (una rete ogni 160') non è da tutti, anzi. 
Mettendoli nelle sapienti mani del valorizzatore Giampaolo, entrambi non potranno che migliorare, così come Pum Pum Piatek non potrà che trarre giovamento dai loro innesti. Finalmente l'attacco sarà ben assortito e offrirà molteplici possibilità all'allenatore.

Poi verrà il turno delle altre cessioni, in un mercato in cui vendere, lo abbiamo capito, è molto complicato.
Sul tema chiedere a Marotta: anche l'Inter fatica a trovare estimatori per i vari Nainggolan, Perisic, Borja Valero e Joao Mario, senza dimenticare Icardi.
Non se la passa meglio la Juve, che ha estrema necessità di cedere. Da Matuidi a Cancelo, passando per Dybala, Khedira e Higuain.
Per il Milan la priorità in uscita, oltre ad Andrè Silva, è rappresentata da Suso.

In tutto questo c’è un piccolo asterisco, che può diventare molto grande, anzi gigantesco: si chiama Luka Modric. E’ il pallino di Boban, anzi il chiodo fisso. Dopo aver vinto tutto, il Pallone d’Oro è tentato da una nuova esperienza e il richiamo del Milan è ancora forte: diversi i contatti tra il suo entourage e la dirigenza rossonera.. Sarebbe un’operazione clamorosa, e come tale è piena di ostacoli, soprattutto economici. Operazione che si potrà realizzare, eventualmente, soltanto dopo che il Real Madrid avrà ingaggiato uno tra Pogba ed Eriksen. Piedi per terra, ma sognare non costa nulla, soprattutto in estate.