Milan, ci sarà mai una fine a questa caduta libera? Tifosi delusi e stanchi

Direttore di MilanNews.it, collabora con il "Corriere dello Sport" e Tuttomercatoweb. Ha lavorato in passato con RMC Sport, Sportitalia e INFRONT.
09.10.2019 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Milan, ci sarà mai una fine a questa caduta libera? Tifosi delusi e stanchi

Ripartire da zero, ancora una volta. Il Milan con l’esonero di Giampaolo e l’ingaggio di Pioli ha effettuato l’ennesima rivoluzione degli ultimi 5 anni. Stavolta però è diverso, perché ha il sapore del ridimensionamento, di una scelta impopolare che ha scatenato una reazione di massa di tantissimi sostenitori rossoneri, stanchi e delusi delle ultime stagioni. Del momento difficile che attraversa la squadra ha pagato Giampaolo, in confusione nelle ultime settimane con errori di valutazione e di formazione, come l’ultima a Genova. Ma anche un rapporto mai nato con alcuni dirigenti e qualche giocatore. Dopo tre mesi il Milan è costretto già a rinnegare la scelta fatta in estate, ad ammettere l’errore con un cambio in panchina dopo appena sette giornate.

Ma è la scelta di Pioli a scoraggiare la tifoseria, a lasciare tutti con l’amaro in bocca quando per qualche ora la dirigenza ha avuto in pungo Luciano Spalletti. Ma probabilmente è stata solo un’illusione, perché i problemi economici per liberarlo dall’Inter sono sempre esistiti. Il Milan avrebbe potuto fare uno sforzo in più per prenderlo? Molto probabilmente si, perché da anni i rossoneri non hanno in panchina un tecnico affermato, e questa era la grande occasione per mettere le mani su Spalletti e cercare così di cominciare ad accorciare le distanze con le big, invece la sensazione è che questo campionato allunghi ancora di più il gap con Inter, Napoli, Juve e qualche altra squadra che ora è avanti in classifica.

L’agonia delle ultime stagioni è infinita, il tifoso milanista sta incassando tanti colpi bassi ed è rimasto deluso anche dalle sue bandiere. Oggi sotto accusa non c’è solo Giampaolo, che ha pagato con l’esonero, ma anche Maldini e Boban, oltre al fondo Elliott. Il tifoso rossonero non risparmia nessuno, e in queste ore attraverso messaggi sui social, con mail e whatsapp sta manifestando tutta la delusione per come il club sta operando. Il mercato non è stato soddisfacente, basato sui giovani ma servivano uomini pronti e d’esperienza, la scelta prima di Giampaolo e poi di Pioli testimonia l’intenzione di puntare su allenatori che hanno fatto una lunga gavetta ma che non hanno mai viaggiato tra le prime posizioni in classifica. Una dirigenza che sta mostrando grossi limiti d’inesperienza e che ha deluso tanti loro fan.

Ma le scelte ore sono state compiute, bisognerà arrivare a fine stagione nel migliore dei modi per poi programmare una buona volta la prossima campagna acquisti con un grande allenatore. Altrimenti il progetto non decollerà più, e il Milan avrà sempre più difficoltà a ritornare realmente competitivo. Una notte amara, sperando che il peggio sia passato.