Milan-Gigio, giorni cruciali per il rinnovo. Simakan interessa ancora. Elliott non ha debiti, la base sicura in tempi bui

01.07.2020 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Milan-Gigio, giorni cruciali per il rinnovo. Simakan interessa ancora. Elliott non ha debiti, la base sicura in tempi bui

Sono ore davvero importanti per il rinnovo di Gigio Donnarumma. L’intenzione del Milan è di trattenere il portiere, e c’è ottimismo. I rossoneri non perderanno a zero il portiere della Nazionale, e faranno di tutto per prolungare il contratto in scadenza tra un anno. Si va verso un rinnovo biennale sulla base di 6 milioni di euro fissi (dunque confermato l’attuale ingaggio) con l’inserimento di bonus. Inoltre le parti sono all’opera per studiare una clausola che possa liberare Gigio l’anno prossimo o tra due anni se il Milan dovesse ottenere il pass per la Champions. Il Milan vorrebbe metterla molto alta, in modo da ottenere una somma elevata qualora una big europea arrivasse a chiedere il giocatore. In tutto questo Gigio è sereno, concentrato sul campo e da professionista attende il momento della convocazione in sede per parlare con il suo agente Raiola. Il Milan vuole confermare Gigio, il portiere è felice di rimanere, l’unico da convincere è il procuratore.

Il 25 aprile scorso su MilanNews.it avevamo dato il nome di Mohamed Simakan, francese classe 2000 dello Strasburgo, i dialoghi per un periodo si sono interrotti ma il giocatore interessa ancora. Indipendentemente dall’esito della trattativa, il difensore piace e ci sono stati nuovi contatti, perché può giocare sia centrale che esterno destro e il prezzo per acquistarlo non è esorbitante.

Franck Kessie continua a sentirsi con il Napoli, attraverso i suoi agenti ma anche direttamente con Rino Gattuso. L’ivoriano ha un grande rapporto con l’ex tecnico rossonero, e l’idea di giocare nuovamente per l’allenatore di Corigliano lo stuzzica. Il Milan nelle scorse sessioni di mercato ha provato a cederlo all’estero, in particolare in Premier League, senza mai trovare l’accordo definitivo. In estate se il Napoli dovesse presentarsi con una cifra attorno ai 25 milioni di euro, Kessie ci penserebbe e il Milan potrebbe registrare anche una plusvalenza (Franck ha un contratto in scadenza nel 2022). Il giocatore è sempre piaciuto a Giuntoli e i dialoghi potrebbero proseguire in estate.

Ultimo capitolo dedicato all’aspetto societario. Ad oggi il Milan è l’unico club tra le big a non avere nessun debito obbligazionario con le banche. Una nota di merito per la proprietà americana, che può essere additata per aver sbagliato alcune scelte tecniche e di essere in ritardo nella costruzione di una squadra competitiva per i vertici, ma Elliott sta progressivamente dotando il club di una solidità finanziaria, condizione imprescindibile dalla possibilità di investire per il ritorno ad alti livelli sportivi. Il Milan ad oggi non ha emesso bond o debito bancario tradizionale, come per esempio hanno fatto Juventus, Inter e Roma, i cui debiti per alcuni di essi sforano i 300 milioni di euro. I tifosi diranno: “Ma a noi interessa vincere sul campo non con i bilanci”, giustissimo, ma è la base su cui costruire. Nel calcio moderno l’imperativo è tenere in ordini i bilanci e dalle regole del fair play finanziario non si può sfuggire. Ma dal prossimo anno, sul campo, ci aspettiamo tutti di più.