Milan, ora o mai più. E in Europa “studiano” il caso Gattuso

Direttore di MilanNews.it, corrispondente sul Milan per RMC SPORT. Collabora con il "Corriere dello Sport" e Tuttomercatoweb. Ha collaborato con Sportitalia e INFRONT.
06.03.2019 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Milan, ora o mai più. E in Europa “studiano” il caso Gattuso

Tutto è nelle mani del Milan. Da anni le sorti della qualificazione in Champions non dipendeva interamente dai rossoneri, e sono ormai troppi i campionati in cui hanno dovuto rincorrere. Questa volta è diverso, siamo a inizio marzio è il gruppo di Gattuso è terzo, grazie a due mesi di sprint assoluto dove ha staccato Roma, Lazio e Atalanta e superato l’Inter. E’ la fase cruciale della stagione, ora tutte le partite hanno un peso diverso e i punti valgono il doppio, soprattutto nel derby. E’ stata una rincorsa lunga, partita da Milan-Spal, dove l’allenatore sembrava in bilico e con un piede nella fossa, invece grazie alla fiducia accordatagli dalla società, ha ripreso quota con le sue convinzioni tattiche. Il gioco di Gattuso può non piacere, perché non è offensivo e quotato allo spettacolo, ma è efficace ed essenziale. Il Milan per diventare squadra doveva andare a caccia di certezze e le ha trovate nel reparto difensivo. Grazie a prestazioni pazzesche in fase difensiva è cresciuta l’autostima e la fiducia, e tutta la squadra ora gioca con maggiore consapevolezza nei propri mezzi. Ribadiamo che il gioco di Gattuso può non piacere a tutti, ma va riconosciuto che grazie alla sua gestione il Milan ha superato momenti complicatissimi dovuti al cambio di proprietà, agli infortuni e all’addio del suo migliore attaccante, eppure è li che si gioca la Champions.

Negli ultimi tre mesi il Milan ha incassato solamente 5 gol, ed è la squadra meno battuta d’Europa, un andamento strepitoso. Addirittura a San Siro Donnarumma ha abbassato così bene la saracinesca che non subisce una rete dal 29 dicembre, praticamente 450 minuti d’imbattibilità. L’ultima volta che è successo bisogna risalire al 1993 quando Capello portò il Milan a non subire gol per 688 minuti. I successi in Italia si basano prima su una difesa solida, e poi su un attacco prolifico. Una difesa così perfetta e imperforabile, che in Europa hanno iniziato a studiarla. Ci sono diversi club che hanno mandato a San Siro osservatori per esaminare dal vivo il gioco di Gattuso e la sua proverbiale fase difensiva, il segreto dei suoi meccanismi, del perchè il Milan è la squadra che da tre mesi a questa parte non lascia passare più nessuno. Il marchio di fabbrica di Rino può diventare un prodotto esportabile all’estero, e ciò deve solo far piacere a Casa Milan.

E’ naturale che tutti vorremmo vedere più gol, e più spettacolo, ma ci sono delle fasi della stagione in cui un 1-0 sofferto (come contro il Sassuolo), vale il doppio. La brillantezza però sta calando e il tecnico dopo il match contro i neroverdi era abbastanza preoccupato, ecco perché a Verona ci aspettiamo qualche cambio in più per arrivare al derby con la formazione migliore. La stracittadina con l’Inter sarà l’ago della bilancia, il match che può dare il via al sogno Champions del Milan. Ora c’è da resistere, stringere i denti e continuare a volare sulle ali dell’entusiasmo.  

di Antonio Vitiello