Milan, quando il mercato cambia tutto. Gattuso pensa al nuovo ruolo di Bakayoko

Direttore di MilanNews.it, corrispondente sul Milan per RMC SPORT. Collabora con il "Corriere dello Sport" e Tuttomercatoweb. Ha collaborato con Sportitalia e INFRONT.
13.02.2019 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Milan, quando il mercato cambia tutto. Gattuso pensa al nuovo ruolo di Bakayoko

Per la prima volta dopo tanti anni il Milan è davvero competitivo per il quarto posto. Sulla classifica sta incidendo anche la flessione delle squadre romane, ma il gruppo a disposizione di Gattuso dopo il mercato di gennaio può dire la sua fino a maggio. I rossoneri non occupavano il quarto posto, dopo 23 giornate di campionato, da ben 7 anni, bisogna tornare alla stagione 2012-13 per rivedere il Milan in zona Champions in questo stesso periodo dell’anno. La prova col Cagliari ha dato continuità di gioco e risultati ma soprattutto la consapevolezza che le mosse sul mercato invernale sono state azzeccate. Il Milan avrebbe voluto prendere anche un esterno d’attacco, e infatti le trattative per Carrasco, Deulofeu e Saint-Maximin dimostrano che fino alla fine Leonardo e Maldini hanno sperato di portare un altro colpo a Milanello, ma le esigenze finanziarie del club (sotto osservazione dall’Uefa) e soprattutto le richieste altissime delle squadre proprietarie dei cartellini dei giocatori, hanno di fatto rimandato tutto all’estate.

Nonostante ciò, la finestra invernale ha visto il Milan investire 70 milioni e portare in rossonero Piatek e Paquetà, non a caso i recenti protagonisti di questa cavalcata Champions che la squadra sta affrontando. I due hanno confezionato la rete all’Olimpico contro la Roma, con assist del brasiliano e gol del polacco, e hanno siglato una rete a testa nel match contro i sardi domenica sera. Sono le armi in più per Gattuso, elementi che hanno portato voglia ed entusiasmo. A Milanello l’aria è diversa, c’è voglia di spiccare finalmente il volo e staccarsi dalla mediocrità delle ultime stagioni. Gattuso vola basso e frena gli entusiasmi, ma è chiaro che ha in mano una squadra attrezzata per arrivare quarta e la sta gestendo benissimo. La scossa del mercato si è fatta sentire e ora non resta che cavalcarla fino a maggio, sempre con il massimo della concentrazione.

A breve inizieranno a rientrare nelle rotazioni anche gli infortunati, Lucas Biglia è già stato convocato e tra non molto saranno a disposizione anche Zapata e Caldara, utili per la seconda parte di stagione. Sarà interessante capire come Biglia rientrerà in mediana, e tra le varie ipotesi c’è quella di spostare Bakayoko mezzala. Il tecnico ci sta pensando, qualche esperimento in allenamento c’è già stato. La mediana in questo momento è uno dei reparti che funziona di più, perché aiuta la difesa a non prendere gol, e il Milan da due mesi a questa parte ha sigillato la porta (merito anche di un Gigio strepitoso), ma con la fisicità di Kessie e Bakayoko, oltre all’applicazione di Paquetà, riesce a spezzare la manovra avversaria e ripartire. Dunque, Gattuso come potrebbe sfruttare Biglia quando sarà pronto? In primis dando respiro a chi sta giocando senza sosta da mesi, poi si potrebbe tentare un centrocampo con Kessie-Biglia-Bakayoko, facendo avanzare Paquetà nel tridente con Piatek e Suso. Una delle ipotesi potrebbe essere questa, ma al momento il Milan andrà avanti con l’undici titolare che da qualche match sta riscontrando ottimi risultati, e così dovrebbe affrontare l’Atalanta nella sfida dal sapor di Champions sabato sera a Bergamo.