Presente e futuro con Tonali. Dirigenza Milan a lavoro per un altro centrocampista, un centrale difensivo e terzino

09.09.2020 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Presente e futuro con Tonali. Dirigenza Milan a lavoro per un altro centrocampista, un centrale difensivo e terzino

Un colpo da Milan. Sandro Tonali è uno degli acquisti più importanti degli ultimi anni, per ciò può dare in campo e in termini tecnici, e per come sia stato preso. Il Milan ha battuto la concorrenza di molte squadre, l’Inter in primis ma anche Manchester United e Barcellona (come ha svelato il patron Cellino), e non è facile di questi tempi. Un’operazione condotta chirurgicamente da tutto lo staff dirigenziale del Milan, con Massara e Maldini in prima fila e il sostegno di Ivan Gazidis, e naturalmente dell’intera proprietà americana. A fare la differenza è stata la volontà del giocatore, e in questo caso si può dire che Sandro è stato determinante per superare proposte migliori recapitate al Brescia. Appena ha percepito che il Milan fosse in fila per lui, non ha voluto sapere più di nessun’altra offerta.

D’altronde per un milanista doc come lui, giocare nel Milan è il sogno di una vita. La dirigenza è stata brava a prenderlo con il prestito oneroso di 10 milioni con diritto di riscatto fissato a 15 milioni, più una serie di bonus legati a obiettivi individuali e di squadra che arrivano ad altri 10 milioni. C’è anche una percentuale sulla futura rivendita a favore delle rondinelle, per un costo complessivo di 35 milioni bonus compresi. Al giocatore 5 anni a circa 2 milioni di euro a salire. Un’operazione fortemente voluta dalla proprietà Elliott, attenta a prendere giocatori di valore che possono diventare futuri campioni, com’è già successo in passato con Theo Hernandez e Ismael Bennacer, dunque un progetto che alla lunga sta iniziando a portare i suoi frutti.

Il lavoro del management sportivo non si fermerà a Tonali e Brahim Diaz, perché l’idea è prendere ancora un altro centrocampista. Probabilmente si aspetta prima l’uscita di uno tra Rade Krunic e Lucas Paquetà, dove il primo è sempre richiesto dal Friburgo e il secondo è finito nel mirino del Lione. Con la cessione di uno dei due (o addirittura entrambi) il Milan potrebbe andare su Bakayoko. Il francese resta il primo obiettivo per la mediana anche se nelle ultime ore c’è stato un rallentamento. La trattativa non è saltata, ma procede lentamente a causa della resistenza del Chelsea. I Blues hanno accettato il prestito con diritto di riscatto ma non vogliono scendere sotto i 30 milioni. Il Milan non vuole arrivare a quella somma e aspetta che il prezzo cali. Nel frattempo tiene aperti i canali con il Lille per Soumaré, probabilmente il primo nome se non dovesse andare in porto Bakayoko. Il succo del discorso però è che il Milan è attivo e non lascia nulla al caso, sa che servono centimetri in mediana e sta andando su profili con le stesse caratteristiche atletiche.

Un Milan che sta cercando anche un terzino destro e un difensore centrale. Stefano Pioli lo ha fatto notare dopo l’amichevole con il Monza, per avere stabilità in retroguardia servirebbe almeno un altro colpo al centro, per dare alternanza a Kjaer e Romagnoli, mentre a destra si aspetta l’uscita di uno tra Conti e Calabria ma i sondaggi con agenti sono all’ordine del giorno.