Quanto sarebbe importante Tonali al Milan. Due veterani all’addio

Direttore di MilanNews.it, collabora con il "Corriere dello Sport" e Tuttomercatoweb. Ha lavorato in passato con RMC Sport, Sportitalia e INFRONT.
15.04.2020 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Quanto sarebbe importante Tonali al Milan. Due veterani all’addio

Giovane, forte e milanista. Basterebbe questo per produrre lo sforzo necessario e provare a prendere a tutti i costi Sandro Tonali. Il centrocampista del Brescia è l’oggetto dei desideri del Milan, che lo sta seguendo da oltre un anno. Il regista classe 2000 è uno di quei talenti che hanno il futuro già tracciato, è un predestinato e sarebbe importante per il Milan cercare di portarlo in rossonero per dare un segnale all’ambiente. D’altronde la società rossonera ha sempre dichiarato di voler puntare su giovani di grande prospettiva, e chi meglio di Tonali rispecchia a pieno l’identikit? Giovane e italiano, bravo tatticamente e tecnicamente, in un ruolo chiave che da anni i rossoneri faticano a coprire. Ci sarebbero decine di motivi per investire sul ventenne di Lodi, e a questi aggiungiamoci la sua fede rossonera. In un calcio senza bandiere dove il business ha il sopravvento su tutto, avere in rosa un milanista non sarebbe cosa da poco.

E proprio la sua ammirazione per il Milan potrebbe essere un elemento a favore della dirigenza per mettere le mani sul playmaker delle rondinelle, ma la trattativa sarà complicatissima sostanzialmente per due motivi. Il primo riguarda il prezzo. Il presidente Cellino chiede oltre 40 milioni di euro e solo l’inserimento di una contropartita tecnica, oltre che alla cessione di un giocatore potrebbe dare al Milan la liquidità giusta per investire su Tonali. Quindi andranno osservate con particolare attenzione le situazioni di Gigio Donnarumma (in scadenza contrattuale) e Lucas Paquetà. Il secondo ostacolo è la concorrenza spietata in Italia e all’estero. La Juve da questo punto di vista ha più chance perché offrirebbe un progetto tecnico vincente da subito a Tonali, a ruota Inter, Napoli, Roma e società straniere. Il Milan dovrebbe fare uno sforzo notevole per battere queste società, che francamente sembrano in vantaggio per una questione di progettualità. Ma ritorniamo al concetto iniziale, il Milan per dare un segnale alla piazza e per ripartire dai giocatori giusti dovrebbe cercare in ogni modo di prendere Tonali. Con lui il centrocampo sarebbe a posto per dieci anni, insieme a Bennacer che potrebbe giocare ottimamente da mezzala.

Inoltre i rossoneri a giugno saluteranno anche Lucas Biglia e Giacomo Bonaventura, entrambi in scadenza di contratto. Due veterani importanti per lo spogliatoio che però hanno il problema di un ingaggio pesante (soprattutto l’argentino) e sembrano ormai ai margini. Come aveva spiegato Raiola un po’ di tempo fa, su Bonaventura c’erano due visioni in società. Chi era favorevole al rinnovo e chi all’addio, e sembra ormai che l’ago della bilancia stia pendendo verso la separazione. Spazi vuoti che andranno necessariamente colmati.