Rispettate il Milan! Autogol di Pioli su Ibra...

29.12.2019 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    Vedi letture
Rispettate il Milan! Autogol di Pioli su Ibra...

In questo momento non si salva nessuno, ma oggi ce l'ho soprattutto con chi scende in campo. Perché chi lo fa non dimostra per niente attaccamento alla maglia, non si preoccupa di rispettare i tifosi, ed evidentemente non ha nemmeno un briciolo di amor proprio (e forse questa è la cosa più incomprensibile). Ci sono alcune eccezioni, ma da fuori sembra mischiarsi tutto in un triste mix di superficialità e scarsa professionalità. Sembra che molti siano stati catapultati a Milanello all'improvviso senza rendersi conto di dove si trovino. Quando fanno le foto nel museo di Casa Milan evidentemente pensano più ai like sui social che alla storia di quei colori gloriosi e di quei trofei. In tutto questo non viene salvata neanche la forma.
Si perde 5 a 0 e la sera Leao si fa riprendere e pubblicare sui social mentre beve e fuma, come il Nainggolan dei tempi d'oro. Poi sostiene che il video è vecchio, salvo poi essere smentito (per non dire altro) da altre immagini. Semplicemente imbarazzante.
Calabria invece finisce sui social mentre festeggia il compleanno, la stessa sera. Poi si ribella di fronte all'insurrezione dei tifosi, ma almeno chiede scusa. 'Se avete momenti lavorativi brutti, non rinunciate comunque a divertirvi' è grosso modo il suo teorema difensivo. Ecco, non voglio fare demagogia, ma paragonarsi ai normali lavoratori non è giusto. Se guadagni qualcosa come 100mila euro ogni mese, è anche perché ogni tanto ti vengono chiesti dei 'sacrifici'.  In ogni caso, è consigliabile chiedere a chi ti sta attorno di evitare di filmare e postare. Si chiama buon senso.
Questi episodi (soprattutto il primo) si aggiungono alla lista delle cose delle quali avremmo fatto volentieri a meno nell'ultimo anno.
Dalle liti Kessie-Biglia e Bakayoko-Gattuso, passando per la maglia di un avversario (Acerbi) mostrata come scalpo sotto la curva, fino ai giocatori smanettare coi telefonini nello spogliatoio prima della partita.
In tutto questo mister Pioli caldeggia ai microfoni l'arrivo di Ibra perché 'aumenterebbe la voglia e la determinazione negli allenamenti'. Ma come? La voglia? Un allenatore ha bisogno di un giocatore per far allenare bene la sua squadra? E se anche lo pensa, come fa a dirlo in tv? Dichiarazione quanto meno infelice,  un autogol che deve far riflettere e anche molto la dirigenza a proposito di conferma o meno in estate del tecnico, che evidentemente non riesce a stimolare a dovere il suo gruppo.
Sullo svedese, come sapete, ho più di un dubbio: ovvio, spero tanto di sbagliarmi e che Zlatan possa fare ancora il fenomeno. Vedremo...