SMS di Elliott a Lotito in quel di Cortina, ma la richiesta laziale non scende. Cessioni a raffica fanno pensare ad altrettanti arrivi in entrata. Dirigenza: a fine mese si muoverà qualcosa nelle alte sfere

13.08.2018 00:00 di Pietro Mazzara Twitter:   articolo letto 239157 volte
© foto di Pietro Mazzara
SMS di Elliott a Lotito in quel di Cortina, ma la richiesta laziale non scende. Cessioni a raffica fanno pensare ad altrettanti arrivi in entrata. Dirigenza: a fine mese si muoverà qualcosa nelle alte sfere

Cortina d’Ampezzo, località montuosa nella quale si trova Claudio Lotito e dove il presidente della Lazio è stato raggiunto da alcuni emissari di Elliott. Il motivo è molto semplice: Sergej Milinkovic-Savic. Il centrocampista serbo è il pallino di Leonardo e Maldini e viene visto come l’uomo che potrebbe far svoltare ulteriormente il Milan a centrocampo, che è stato rimpolpato dall’arrivo di Tiémouné Bakayoko dal Chelsea in prestito con diritto di riscatto fissato a 40 milioni di euro. Ma stando su SMS, Lotito non molla di un centimetro sulla sua posizione: ci vogliono 40 milioni per il maxi prestito oneroso e 80 per il diritto di riscatto. Niente giocatori come contro partita, solo denaro sonante che il presidente laziale vuole incassare dalla vendita del suo gioiello. Potrebbero essere giorni decisivi per capire se ci potranno essere degli spiragli o se, come ha detto Leonardo in conferenza stampa, Milinkovic-Savic rimarrà un sogno non solo per il Milan, ma anche per le altre grandi d’Europa.

Quel che è evidente è che il Milan targato Elliott ha smantellato i colpi principali fatti dalla gestione cinese. Bonucci alla Juventus, Kalinic all’Atletico Madrid e Andé Silva al Siviglia (rimane ancora da capire se quel diritto di riscatto sia o meno un obbligo camuffato alla Higuain). Ma il discorso può essere ancora più ampio, perché il Milan ha ceduto tanto da quando si è insediato Leonardo e tutto questo cedere può essere interpretato come un segnale che più di qualcosa si sta muovendo in entrata. Come detto, oltre a Bakayoko e un altro innesto a centrocampo, Leo e Maldini stanno lavorando sull’esterno offensivo. Nelle ultime ore è riemerso il nome di Samu Castillejo che si affianca a quello di Quincy Promes e quello un po’ più difficile di Anthony Martial dal Manchester United qualora Mourinho dovesse decidere di lasciarlo andare. A quattro giorni dalla fine del mercato, insomma, ci aspettiamo colpi in entrata e anche in uscita gli ultimi movimenti.

Per quanto riguarda i quadri dirigenziali, Umberto Gandini rimane in attesa della definizione dell’accordo con Elliott. Il fondo, a sua volta, starebbe aspettando la risposta di Gazidis dell’Arsenal, sul quale è calato nuovamente il silenzio. Dovrebbero esserci anche nuovi avvicendamenti in quelle aree dove, tutt'ora, governano ancora professionisti legati a Marco Fassone (che fine ha fatto?). Il tutto mentre si avvicina l’incontro con l’Uefa dove, il Milan targato Elliott, chiederà alla camera giudicante di essere rimandato a quella investigativa per trattare nuovamente un voluntary agreement. Franck Tuill, davanti al TAS, è stato più che convincente e il Milan sta operando secondo i criteri del Fair Play Finanziario. Perché la lunga estate caldissima del Milan non finirà venerdì 17 alle 19.