LA LETTERA DEL TIFOSO: "Facciamocene una ragione" di Fabio

23.10.2018 23:36 di Redazione MilanNews Twitter:   articolo letto 16136 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
LA LETTERA DEL TIFOSO: "Facciamocene una ragione" di Fabio

La società adesso è solida. I suoi alfieri Leonardo e Maldini offrono competenza, ma dovranno ammettere la realtà e operare i correttivi. I tifosi sono disposti a soffrire e donarsi incondizionatamente, ma non sono ciechi! Il palleggio avveniristico di Gattuso è esteticamente eccelso, ma non ha ragione di esistere se poi non si arriva alla porta avversaria. Tenere la palla crea positività, ma la profondità delle famose imbucate, di cui Gattuso parla tanto, la si raggiunge con la velocità e con la capacità tecnica di vincere gli uno contro uno. I soli Higuain e Bonaventura non bastano. Suso, Calhanoglu, Kessie, Biglia sono lenti. Non solo fanno fatica negli affondi, fanno anche fatica a recuperare le ripartenze avversarie. Cutrone non ha mezzi tecnici per giocare da esterno. Puoi unicamente affiancarlo al Pipita in un 442. Bakayoko è ancora piu lento della norma. Donnarumma è un buon portiere, ma un fuoriclasse parte dalla testa. Ed è evidente che non ha retto mentalmente l'impatto con le responsabilità del nuovo contratto milionario e le vicissitudini ed esso annesse. Va trovata la giusta formula che permetta l'utilizzo di Laxalt e Castillejo. Sono gli unici in rosa, unitamente a Bonaventura e Higuain, capaci di imprimere dinamismo e velocità alla manovra. Kessie è un lottatore, ma pecca in sensibilità e tecnica dei piedi. Per intenderci, Matuidi corre quanto lui, ma un tiro o un passaggio è capace a farli! Questi siamo, facciamocene una ragione. Speriamo che Babbo Natale prolunghi la sua sosta sotto l'albero di Milanello fino al mercato di gennaio.

Fabio da Falerna (Catanzaro)