LA LETTERA DEL TIFOSO: "La piacevole condanna delle due punte" di Fabio

30.10.2018 21:24 di Redazione MilanNews Twitter:   articolo letto 9754 volte
Fonte: scrivi a laletteradeltifoso@milannews.it
© foto di Daniele Mascolo/Photoviews
LA LETTERA DEL TIFOSO: "La piacevole condanna delle due punte" di Fabio

Contravvenendo alla sua natura sanguigna, mister Rino, sin dell'inizio del campionato, ha orientato le sue scelte tattiche in funzione di considerazioni razionali, schierando una sola punta di ruolo nel 433, avendo come sola alternativa Cutrone. Per sua stessa ammissione postuma alle due sconfitte con Inter e Betis, l'incapacità di inserimenti delle mezzali a sostegno del Pipita, rende sterile la manovra d'attacco, costringendo additittura l'argentino ad arretrare per cercare il dialogo con i compagni, abbassando il baricentro della squadra e aumentando la distanza dalla porta avversaria. Cutrone, con la sua grinta, la sua voglia e il suo senso della posizione, in panchina non ci serve. La difesa della Samp, una delle migliori di questo campionato( solo 4 reti in passivo prima di domenica scorsa), ha sofferto molto il dinamismo, la capacità di dialogo dei nostri due attaccanti e la profondità che essi riuscivano a creare. Non abbiamo ricambi per le punte? Poco importa, a gennaio si vedrà. Intanto, in questo nuovo scacchiere tattico, si è capito anche che dei 4 centrocampisti, a costo di qualunque sacrificato, Laxalt è imprescindibile. Oltre alla generosità e alle qualità tecniche, nelle due fasi di attacco e difesa, ha denotato un grande senso della posizione e sa usare il fisico frapponendosi tra l'avversario e la palla. Veloce, sempre concentrato, intuisce con naturalezza quando accentrarsi nelle vesti di mezzala. Tenta gli uno contro uno, crossa moltissimo e con personalità tenta anche la via della rete. Inoltre, vista la poca tenuta di Cutrone sui novanta minuti( credo per desuetudine ma migliorerà sicuramente), negli ultimi 20 minuti, quando gli avversari sono stanchi, Castillego può diventare prezioso subentrando dalla panchina. Giocando sulla trequarti, un po piu indietro rispetto a Patrick, se migliora il dialogo con Suso e il Pipita, può far male. In tal senso, col Betis ha fatto la sua parte. Il 442, dunque, a livello di organico ha i suoi rischi, ma è un momento in cui Gattuso deve ricominciare a ringhiare senza calcoli. Il 442 può diventare una piacevole condanna! Forza Milan!

Fabio da Falerna (Catanzaro)