Pagelle - Bonucci, gol e prova da leader. Kessie dominante. Jack, un errore importante

31.03.2018 22:53 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Pagelle - Bonucci, gol e prova da leader. Kessie dominante. Jack, un errore importante

Queste le pagelle di Juventus-Milan

G. Donnarumma 6: Higuain gli scalda le manone al 6’ con un destro violento e preciso, sul quale Gigio disinnesca. Dybala trova la traiettoria giusta, con la palla che gli rimbalza davanti e si insacca alla sua sinistra. Non può niente sui gol di Cuadrado e Khedira.

Calabria 6: parte così così, poi mette il turbo e si rende pericolosissimo con le sue discese. Suso lo premia a fasi alterne. Non molla il colpo finché ne ha.

Bonucci 6,5: nella sua partita, contro i fischi di un intero popolo, torna al gol in campionato con uno dei pezzi forte della casa, ovvero la rete da azione di calcio d’angolo. Lo Stadium si ammutolisce e lo insulta, lui esulta sotto la Sud. Higuain viene annullato.

Romagnoli 6: forse ha qualche pecca sul gol del 3-1, ma la sua partita è molto positiva. Primi 15 minuti, un po’ come tutta la squadra, in apnea. Poi catalizza quasi tutti i palloni aerei, con Higuain frustrato.   

Rodriguez 5,5: primo tempo dove vince il duello svizzero con Lichtsteiner, nel secondo quando entra Cuadrado soffre di più anche gravato dal giallo che rimedia nella prima frazione di gioco.

Kessie 6,5: dominante nel confronto con Matuidi. Corre come un pazzo, avvia tantissimi contropiedi. Non molla mai, rispetto a qualche tempo fa, migliora anche nella gestione dei palloni sporchi.

Biglia 5,5: dorme con Bonaventura su chi debba seguire Dybala, l’argentino ringrazia e spara indisturbato verso Donnarumma. Cresce a dismisura all’interno della partita. Peccato per il giallo che gli farà saltare il derby. (dal 75’ Montolivo 6: troppo poco tempo per incidere, anche perché entra quando la Juventus rialza il baricentro).

Bonaventura 5: incomprensione inaccettabile con Biglia su Dybala. Vai tu che lo prendo io e la Joya trova il mancino che spacca la partita. Spreca il colpo del 2-1, calciando alto da ottima posizione

Suso 5,5: quando gli si chiede di incidere in partite come quella con la Juventus, lui dimostra che non ha ancora fatto il salto di qualità a livello mentale. Per carità, non è che sbagli grandi cose, ma è nelle decisioni che prende che deve migliorare, perché non sempre gli riescono le giocate di un bagaglio tecnico, forse, un po’ limitato.

André Silva 6: non è un killer dell’area di rigore, come dimostra la poca convinzione con la quale schiaccia il pallone che Calhanoglu gli dipinge sulla testa. Tuttavia si comprende la scelta di Gattuso di dargli una maglia da titolare, perché in fase di costruzione è prezioso nella circolazione veloce del pallone. (dal 65’ Kalinic 5,5: entra per dare sostanza all’attacco, dura come un cubetto di ghiaccio al sole d’estate).

Calhanoglu 6: partita di altissimo livello la sua. Disegna il corner da cui nasce il gol del pareggio di Bonucci e per poco non abbatte la traversa di Buffon con un destro terrificante, ma la palla sbatte sulla faccia interna della traversa ed esce. È la sliding door del match, anche perché l’azione del 2-1 della Juve nasce da un pallone che perde lui in fase offensiva e poi, stanco morto, non riesce a seguire Cuadrado che segna tutto solo. (dall’80 Cutrone sv: è la mossa della disperazione, ma entra quando è saltato il banco)

Gattuso 6,5: Milan di personalità allo Stadium, dove guarda negli occhi la Juventus e per diversi tratti del match, gli ruba le chiavi di casa. Se voleva delle risposte positive, stasera le ha avute nel complesso. Risultato bugiardo per quello che si è visto in campo.