Pagelle - Calha è determinante, davanti segnano tutti. Il Milan riparte bene

22.06.2020 21:44 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Pagelle - Calha è determinante, davanti segnano tutti. Il Milan riparte bene

Queste le pagelle di Lecce-Milan 1-4

G. Donnarumma 6: partita nella quale non deve pressoché nulla. Non può parare un rigore a partita, anche perché Mancosu lo batte benissimo.

Conti 6: qualche incertezza in fase difensiva, ma poi corregge la sua prova nella ripresa, arrivando a fornire l’assist per il gol del 4-1 di Rafael Leao.

Kjaer 6: la speranza è che non si sia fatto nulla di grave al ginocchio. Perché fino a quando è rimasto in campo, ha giganteggiato contro Lapadula. (dal 40’ Gabbia 5,5: un po’ ingenuo nel body-check con Babacar che genera il rigore del momentaneo pareggio leccese).

Romagnoli 6: normale amministrazione in fase di copertura, anche perché è il Milan a fare parecchio la gara.

Theo Hernandez 6: più intraprendente nel primo tempo rispetto al secondo. Impegna Gabriel con un mancino violento, ma centrale che il brasiliano ha bloccato.

Kessie 6,5: discutibile il caschetto di capelli che si fa sopra la testa, ma estetica a parte è decisamente concreto e dominante in mezzo al campo. (dall’86’ Paquetà sv)

Bennacer 6: alza tantissimo il pressing nel primo tempo e va ad anestetizzare le fonti di gioco del Lecce. Nella ripresa mette in pilota automatico. (dall’86’ Biglia sv)

Castillejo 7: sblocca la partita con il suo primo gol in campionato e si mette alle spalle le ultime settimane. Frizzante e attivo sulla corsia di destra. È decisamente dentro la gara e ha gamba. (dal 68’ Saelemakers 6: fa il suo nella parte finale della gara)

Calhanoglu 7,5: entra in tre dei quattro gol. Assist a Castillejo, suo il tiro respinto da Gabriel per il gol di Bonaventura e ancora suo il lancio che manda in porta Rebic. Presente e costante durante tutta la partita.

Bonaventura 6,5; torna al gol ed ha tanta voglia di fare. Perde, in un paio di circostante, il tempo della battuta a rete e per poco non toglie il pallone del vantagio a Castillejo. Però ha ritmo nelle gambe e ha voglia di fare.

Rebic 7: si spara due allunghi di 70 metri per chiudere su Rispoli e questo in dica la sua condizione fisica. Poi, nella ripresa, si fa un contropiede solitario per il gol del 3-1 che sugella un’ottima prova. (dal 68’ Leao 6,5: al primo pallone, fa gol. Deve avere voglia di incidere).