Pagelle - Castillejo è un fantasma, squadra senza mordente e idee. Kessie perde Becao

25.08.2019 20:20 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
Fonte: Inviato a Udine
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Pagelle - Castillejo è un fantasma, squadra senza mordente e idee. Kessie perde Becao

Queste le pagelle di Udinese-Milan:

G. Donnarumma 6,5: il colpo di testa di Becao è una sassata che non gli lascia scampo. Compie una grande parata su Lasagna e domina le palle alte. I compagni lo mettono un paio di volte in galera con retropassaggi non del tutto precisi.

Calabria 5,5: Pezzella e Fofana lo mettono in mezzo e lui soffre. Non trova nemmeno le sue sgroppate offensive che possono e devono essere un’arma in più per il Milan con questo modulo.

Musacchio 6: tiene a bada Pussetto e deve mettere delle pezze anche quando quelli davanti a lui vanno fuori fase con le misure. Nella ripresa è uno dei pochi a credere a qualcosa di diverso a quello che si è visto.

Romagnoli 5,5: Donnarumma salva su Lasagna, lui non appare il solito Alessio. Soffre la staticità dei compagni di centrocampo, che non gli offrono quasi mai soluzioni diverse rispetto al passaggio laterale.

Rodriguez 5,5: di arrivare a crossare dal fondo non se ne parla, ma nemmeno quando prova a metter dentro i palloni dai 25 metri riesce a disegnare qualcosa di pericoloso. Larsen e Lasagna imperversano.

Borini 5: del giocatore visto nel pre campionato ricoprire bene quella posizione non ci sono tracce. Sbaglia un sacco di appoggi, alcuni anche elementari, e soffre maledettamente Mandragora. (dal 60’ Kessie 5: dovrebbe dare sostanza al centrocampo, ma si dimentica di marcare Becao che svetta, in mezzo ad altri quattro, e fa secco Donnarumma).

Calhanoglu 5,5: regista senza ciack. I compagni non gli danno mai appoggi, sono fermi come se fossero gli omini del subbuteo e anche lui, inevitabilmente, al posto di andare avanti, va indietro con i passaggi.

Paquetà 6: nel nulla cosmico, è uno di meno peggio. Commette alcuni errori in fase di appoggio, ma va anche a creare qualcosa di interessante nella ripresa. In fase difensiva si sbatte. (dal 75’ Bennacer sv).

Suso 5: da trequartista, contro il centrocampo a cinque, si trova ingabbiato. Anche perché la difesa friulana gioca molto vicina ai compagni della mediana e lui non ha mai lo spazio per creare qualcosa. E quando trova qualche varco, dal suo mancino non esce nulla.

Castillejo 4,5: conferma quello che si è visto nel pre campionato: non è una seconda punta e non ha le caratteristiche per farla. Letteralmente dominato da Samir. Giampaolo tarda a toglierlo.  (dal 74’ Leao sv)

Piatek 5: almeno ci ha provato, ma non sono arrivati palloni dai compagni e quando ha calciato, lo ha fatto da lontanissimo. Giampaolo ci ha detto che dovrebbe giocare più vicino alla porta, a Udine era a 50 metri e spesso defilato. Non ci siamo.

ALLENATORE:
Giampaolo 5: esordio amarissimo, perché i fantasmi che si erano visti a Cesena si sono presentati in forma concreta. L’Udinese ha dominato il Milan sotto tutti i punti di vista e la sua squadra non ha dato nemmeno un segnale di reazione. Ok che ci vuole tempo, ma qui son già tre punti che se ne sono andati.