Pagelle - Donnarumma con i super poteri. Cutrone, errore decisivo. Calha, così no

09.12.2018 22:37 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di PHOTOVIEWS
Pagelle - Donnarumma con i super poteri. Cutrone, errore decisivo. Calha, così no

Queste le pagelle di Milan-Torino:

G. Donnarumma 7,5: attiva i super poter su Iago Falque. Prima con una paratona di puro istinto sul colpo di testa dello spagnolo. Poi, su Belotti, si mette il mantello da Superman per andare a mettere in angolo, a meno aperta, l’arcobaleno disegnato dal Gallo col mancino.

Calabria 6: Ansaldi lo punta spesso, lui gli sbarra la strada più che volentieri. Non trova la connessione giusta con Suso nel primo tempo. Nella ripresa spinge di più.

Abate 6,5: un po’ più in difficoltà rispetto a una settimana fa. Belotti lo mette alla frusta e in un paio di circostanze non è precisissimo nel posizionamento. Nella ripresa sale decisamente la sua prova, con delle diagonali importanti.

Zapata 6: nella sua zona ondeggia Iago Falque e quando lo spagnolo ha i metri per alzare il ritmo della giocata, lo mette alla frusta. Gioca gravato di un giallo che ne condiziona la prestazione.

Rodriguez 6: Aina non affonda molto il colpo. Lui poi si dedica anche alla fase offensiva. Deve trovare maggior precisione nei cross.

Suso 5,5: tocca numerosi palloni, ma questa volta non riesce ad essere decisivo. Sbaglia un’occasione con il destro che grida vendetta. E poi sugli angoli, non trova mai il calibro giusto.

Kessie 6: duello fisico con Rincon e Meité che finisce in parità. Non ci si può aspettare da lui giocate decisive.

Bakayoko 6.5: è sempre tra i migliori in campo nell’ultimo periodo. Calamita per i palloni, regala anche dei break interessanti che poi il Milan cestina. Sempre più leader.

Calhanoglu 5: non è in serata e lo si vede dai primi controlli che fa. Quando può calciare verso la porta di Sirigu, ciabatta clamorosamente la conclusione con il mancino. Degno di nota un solo cambio di gioco dei suoi. Oggettivamente troppo poco. (dal 71’ Castillejo 6: dà la scossa alla gara, facendo abbassare il Torino e dando quella velocità alla manovra offensiva che era mancata in precedenza).

Cutrone 5,5: quell’occasione che gli arriva sul destro al minuto numero 83’ è un peccato mortale. Lui, da lì, di solito non sbaglia. Questa volta, complice anche il pallone che gli rimane un po’ sotto, strozza la conclusione. Ma l’errore, questa volta, cancella quanto di buono aveva fatto prima.

Higuain 5,5: rientra e si divora un contropiede, calciando addosso a N’Koulou. Fa più il trequartista che la punta e giocando lontano dall’area di rigore, è difficile che si renda pericoloso.

Gattuso 6: peccato perché ci poteva essere lo strappo sulle romane, ma il Milan non trova il gol e viene tenuto a galla da Donnarumma nel primo tempo. Sapeva che sarebbe stata difficile, ma nel secondo tempo ci ha creduto.