Pagelle - Gigio, ma dove vai? Musacchio vanifica una grande prova. Calhanoglu impalpabile

21.10.2018 22:43 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
Pagelle - Gigio, ma dove vai? Musacchio vanifica una grande prova. Calhanoglu impalpabile

Queste le pagelle di Inter-Milan

G. Donnarumma 4: dove va sul cross di Vecino? Icardi viene perso da Musacchhio ma lui, sul traversone dell’uruguagio, resta a metà e per il capitano dell'Inter è facile segnare a porta vuota a tempo scaduto.

Calabria 6,5: una partita di altissimo livello quella di Davide, che non fa mai passare Perisic sulla sua banda di competenza. Esce nel recupero. (dal 91’ Abate sv).

Musacchio 4: vanifica una partita da mostro con l’errore che manda all’inferno il Milan, perdendo Icardi sul cross di Vecino. Fino a quel momento, era stato praticamente perfetto.

Romagnoli 5,5: il voto scende inevitabilmente perché permette a Vecino di crossare con troppa facilità. Anche lui, come Musacchio, fino a quel momento era stato quasi perfetto.

Rodriguez 6: fa una buona prova, spingendo di più rispetto a Calabria e offrendo sempre ai compagni di squadra una valida alternativa nel giro palla.

Kessie 6: condizionato dalla botta alla caviglia, si vede che gioca con il freno a mano tirato. Tuttavia tiene bene botta in fase difensiva finché ne ha. (dall’84’ Bakayoko sv).

Biglia 6,5: prestazione di grande spessore di Lucas, che a parte il retropassaggio nello specchio della porta a Donnarumma, è un catalizzatore totale di palloni. Si becca un giallo per uno scontro con Nainggolan, ma è il belga che gli entra male sulla caviglia.

Bonaventura 5,5: non si accede mai per come sa. Troppo contratto e poco propositivo. Nella ripresa prova a fare qualcosa di più, ma senza ricamare nessuna delle sue giocate tipiche.

Suso 6: conferma la teoria che se la davanti non ci mette qualcosa lui, si fa poco. Con il Calhanoglu di questo periodo che è la brutta copia di quello dello scorso anno, cerca di mettere alla frusta Asamoah. Più combattivo anche in fase difensiva.

Higuain 5,5: poveraccio, non gli arriva un pallone degno di tale nome anche perché la squadra è lenta, prevedibile e non riesce a creare occasioni da gol. Lui prova a dare una mano anche dietro cercando una connessione con la palla, ma spesso il Milan va a 56k.

Calhanoglu 5: continua il suo momento no. Anche nel derby non azzecca una scelta che sia una, sia in fase conclusiva sia d’impostazione e non salta mai l’uomo. (dal 71’ Cutrone 5,5: entra per il turco, ma Gattuso gli fa fare l’esterno. Prova a metterci del suo, ma anche lui non può fare granché con l'atteggiamento della squadra).

Allenatore:
Gattuso 5:
la partita che gioca il suo Milan è tutto il contrario di quello che va provando e predicando a Milanello. Ritmo basso, imprecisioni varie, mai un’azione con quattro passaggi puliti. L’Inter schiaccia il Milan e anche sulla gestione tattica della partita, con il Milan rimasto col 4-3-3, lascia qualche dubbio.