Pagelle - I rossoneri cadono nella stregata Reggio Emilia. Si salvano solo Donnarumma e Antonelli

06.03.2016 17:14 di Thomas Rolfi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato al Mapei Stadium
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
Pagelle - I rossoneri cadono nella stregata Reggio Emilia. Si salvano solo Donnarumma e Antonelli

Queste le pagelle di Sassuolo-Milan 2-0.

Donnarumma 7: Gigio prova a tenere in piedi la baracca con due grandi interventi, uno per tempo, sempre su Berardi. Coraggioso e sicuro nelle uscite. Non può nulla sui due gol del Sassuolo.

De Sciglio 5: Spinge poco sulla fascia destra e le rare volte in cui riesce ad arrivare sul fondo non riesce mai a rendersi pericoloso. E' in colpevole ritardo sul raddoppio dei neroverdi.

Alex 5,5:  Il migliore dei due centrali scelti oggi da Sinisa Mihajlovic. Sulle palle ferme i palloni sono tutti suoi

Zapata 5: La scelta di Mihajlovic di schierare il centrale colombiano non paga. Appare disattento e poco presente mentalmente in  diverse situazioni. Esce per un problema all'inguine (dal 68' Romagnoli 6: Senza infamia nè lode)

Antonelli 6,5: Il migliore dei giocatori di movimento con la maglia rossonera, contiene bene Berardi.

Honda 5,5: Keisuke disputa la solita partita intelligente dal punto di vista tattico ma in fase offensiva è nullo (dall'82 Boateng sv)

Kucka 5: Il centrocampista rossonero oggi non incide come suo solito, non riuscendo a spaccare in due la squadra di Di Francesco con le sue accellerazioni.

Bertolacci 5: tanto impegno, innegabile, anche qualche buona combinazione in fase offensiva. Appare troppo timoroso e non conclude verso la porta

Bonaventura 5: Il giocatore che ha trascinato i rossoneri dimostra anche oggi di essere un po' con le batterie scariche. Il vero Jack è un'altra cosa.

Bacca 5: L'attaccante colombiano non riceve mai un pallone pulito da poter trasformare in gol, ma il suo più grande demerito è che detta raramente il passaggio al compagno.

Balotelli 4,5: Sembra partire con il piede giusto nei primi minuti dove appare propositivo nei confronti dei compagni. L'illusione, però,  dura poco  (dal 54' Menez 5: la condizione non è quella dei giorni migliori e si vede. Dà l'impressione di non avere la possibilità fisica di inserire le marce più alte)