Pagelle - Kessie, gol europeo con retrogusto amaro. Calha si perde. Bene Romagnoli dietro

 di Pietro Mazzara Twitter:   articolo letto 55647 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Pagelle - Kessie, gol europeo con retrogusto amaro. Calha si perde. Bene Romagnoli dietro

Queste le pagelle di Atalanta-Milan

G. Donnarumma 5,5: nella partita post finale, risponde presente soprattutto su Cristante. Ma sul gol di Masiello arriva in ritardo e si porta il pallone dentro la porta. Errore che costa il pareggio.

Abate 5: perde la marcatura su Masiello, che può schiacciare da solo verso la porta di Donnarumma. Partita condizionata da un giallo preso dopo quindici minuti. In mezzo a queste due situazioni, fa benino.

Bonucci 6: Barrow si scioglie davanti a lui e Romagnoli. Gomez un po’ meno, ma anche quando il Milan rimane in 10, la parte centrale del campo è ben presidiata.

Romagnoli 6,5: di testa le prende tutte lui, quando la sfera gravita nella sua zona di competenza. Si divide Barrow con Bonucci e prende Cristante quando Bryan entra a staccare di testa.

Rodriguez 6: salva due volte la porta rossonera in un’azione molto insistita dell’Atalanta. Ci mette corpo e faccia per dire di no a Cristante e Freuler. Costantemente sul chi va la, regge bene.

Kessie 7: gioca una partita di alto livello. Primo tempo tiene alto il pressing e la squadra va con lui. Nel secondo tempo spacca la partita con un grande gol: destro da fuori area che fa secco Berisha e che sembra regalare il sesto posto al Milan. Chiude la gara con l’ultimo spunto del match.

Biglia 6: se Rodriguez fa due salvataggi, lui ne fa uno a corpo morto, chiudendo la linea di tiro ai bergamaschi che stavano assediando il fortino milanista. Rientra dall’inizio e seppur perda una palla velenosa, tiene bene il ritmo della mediana. Esce per le conseguenze di una ginocchiata non proprio da lord di Papu Gomez. (dal 46’ Montolivo 5: entra benissimo in partita e in mezzo al campo, finché ci rimane, da la sensazione di essere l’uomo in più. Prima innesca Calhanoglu e avvia l’azione che porta al gol di Kessie. Poi entra malissimo su Gomez e Guida lo manda sotto la doccia).

Bonaventura 6,5: grande dinamismo ed è l’unico che cerca la conclusione da fuori area verso la porta di Berisha. Anche nel secondo tempo mette quantità e qualità nelle giocate, prende tante scarpate da De Roon. Esce stremato. (dall’83’ Borini sv)

Suso 5,5: prende tante botte, è vero, ma non determina nessuna azione pericolosa da parte del Milan. E’ in fase calante da un po’ di tempo e sembra che il comando “passaggio” sia stato disattivato dalle sue impostazioni. (dal 77’ Locatelli 6: entra a freddo nel post espulsione di Montolivo, gioca con la clava).

Kalinic 6: lotta e non è una cosa che si è visto spesso in stagione. Fornisce sponde e prende legnate dai suoi carcerieri. Con Caldara non ha vita facile, ma quando gli prende posizione, lo mette in difficoltà.

Calhanoglu 5: quando va in down, fa notizia. Il turco sembra essere il meno rigenerato dalla batosta di mercoledì e seppur calci un paio di piazzati in maniera pericolosa, non trova spunti tipici del suo repertorio.

Gattuso 6: si vede il lavoro mentale fatto sulla squadra, anche perché il Milan -  nel catino di Bergamo – va a prendere alta l’Atalanta e gli toglie respiro. Il rosso a Montolivo gli sconvolge la pratica difensiva. Peccato per il pareggio che non gli da il sesto posto diretto.