Pagelle - San Gigio salva un bruttissimo Milan. Grosso passo indietro rispetto alla Lazio

07.11.2015 23:05 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di ALBERTO LINGRIA/PHOTOVIEWS
Pagelle - San Gigio salva un bruttissimo Milan. Grosso passo indietro rispetto alla Lazio

Queste le pagelle di Milan-Atalanta 0-0:

Donnarumma 7,5: tre parate da fenomeno vero, uscite sempre attente e precise, sia in presa sia di pugno, bene anche con i piedi. Se il Milan non capitola è per merito suo.

De Sciglio 5: Papu Gomez gli fa venire l’emicrania. Viene graziato nel finale del primo tempo quando Giacomelli decide di non sanzionarlo con il secondo giallo che gli sarebbe costata l’espulsione. (dal 46’ Calabria 5,5: entra al posto di De Sciglio, ma va anche lui in difficoltà sull’argentino. Prova almeno a spingere).

Mexes 6: Pinilla gira a largo dalla zona calda, ma i tagli di De Roon e delle mezz’ali atalantine sono sempre pericolosi.

Romagnoli 6: parte male, dovendo prendere le misure a Moralez che spesso di accentra. Col passare dei minuti cresce.

Antonelli 6,5: l’asse con Niang sembra funzionare bene. Si sovrappone tanto e salva, di tacco, un contropiede che rischiava di essere letale.

Kucka 5: grosso passo indietro dello slovacco rispetto ad una settimana fa. Soffre il ritmo elevato che l’Atalanta mette in scena a centrocampo. (dal 64’ Luiz Adriano 5,5: per poco non trova un altro gol su azione d’angolo. Per il resto poca roba).

Montolivo 6: anche lui soffre il ritmo elevato degli orobici. Cerca di dare ordine a centrocampo.

Poli 5,5: corre, corre, corre… Ma poi ne paga le conseguenze a livello di lucidità come dimostra l’ultimo contropiede che rischiava di poter dare al Milan l’occasione per vincere la partita.

Cerci 5: la frustata di Mihajlovic in conferenza stampa, questa volta, non ha sortito l’effetto sperato. Salta raramente l’avversario e anche in fase di rifinitura non è eccezionale.

Bacca 5: sbatte spesso sui difensori atalantini. Nel primo tempo si costruisce una grande occasione che non riesce a tramutare in gol. Nella ripresa non ne becca mezza.

Niang 6: finché ne ha, è decisamente pericoloso. È certamente un’arma in più per Mihajlovic, ma dopo 72 minuti entra in bombola e deve cedere il posto a Honda. (dal 72’ Honda 5: chi l’ha visto?).