Pagelle - Super Ibra, Theo treno. Cala convincente. Che Bennacer

21.09.2020 22:40 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Pagelle - Super Ibra, Theo treno. Cala convincente. Che Bennacer

Queste le pagelle di Milan-Bologna:

G. Donnarumma 6,5: per 78 minuti trema all’inizio sul tiro di Soriano e poi guarda lo show dei compagni. Quando Skov Olsen lo chiama alla prima parata vera della partita. Si ripete su Sansone nel finale di gara, chiudendo bene sul primo palo.

Calabria 7: prenda questa prestazione, di sostanza e di qualità, e la copincolli per il resto della stagione (magari mettendoci dentro qualche assist e gol). Una gran bella partita in entrambe le fasi.

Kjaer 7: prestazione di spessore, dove Palacio viene spinto fuori dalla zona calda con personalità. Si oppone col corpo alla conclusione, pulita, di Sansone nel secondo tempo. Ma anche nel primo devia lui la conclusione del 21 bolognese. (dal 71’ Duarte 6: mette minuti).

Gabbia 6,5: si mangia il gol che poteva sbloccare la partita. Difensivamente si registra maggiormente rispetto a Dublino e legge meglio le situazioni.

Theo Hernandez 7: disegna l’arcobaleno che Ibra trasforma nel gol dell’1-0, ma in quella curva c’è precisione e delicatezza. Non fa più notizia quando si accende in fase offensiva, ma è anche attento in quella difensiva. Skorupski gli nega il gol.

Kessie 6,5: nella complessità della sua prestazione, non sbaglia quasi nulla. Domina fisicamente gli spazi e si fa trovare sempre pronto quando deve ricevere. (dal 77’ Tonali 6: porta a casa il pane all’esordio a San Siro).

Bennacer 7: è il sotto direttore d’orchestra. Smista palloni con rapidità su entrambe le fasce e cuce il gioco con sapienza e precisione. Si guadagna il rigore del 2-0. (dall’85’ Krunic sv).

Castillejo 5,5: un po’ troppo pasticcione con la palla tra i piedi. Non è ancora al top della condizione ed esce per problemi fisici (dal 46’ Saelemaekers 6: porta ritmo e più linearità sulla fascia destro rispetto a Casti. Se la cava facendo il suo).

Calhanoglu 6,5: parte col freno a mano tirato, poi si accende e inizia a tessere calcio sui livelli che gli competono. Prima di uscire, mette in porta Ibra per il potenziale colpo del 3-0. (dal 71’ Brahim Diaz 6: si accende un paio di volte e regala movimenti di classe pura. Deve entrare ancora bene negli schemi, ma la qualità è altissima).

Rebic 6,5: è una spina nel fianco costante per il Bologna, perché quando punta l’area di rigore, fa paura per potenza e velocità. De Silvestri lo soffre tantissimo.

Ibrahimovic 7,5: in Europa segna lui, in campionato segna lui. Il primo gol è di testa, su un cross al bacio di Theo Hernandez al termine di un’azione lunga e avvolgente. Il secondo gol è su rigore, con un sasso che rompe la porta del Bologna. Sfiora il terzo gol, sbagliando il colpo risolutore. Ma che giocatore.