Pagelle - Theo e Kessie, gol importanti. Calha, Paquetà e Ibra non in serata

12.07.2020 23:41 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Pagelle - Theo e Kessie, gol importanti. Calha, Paquetà e Ibra non in serata

Queste le pagelle di Napoli-Milan:

G. Donnarumma 6: i primi tre tiri in porta del Napoli sono insidiosi e velenosi, con Mertens e Callejon che già pregustavano l’urlo che avrebbe squarciato il silenzio del San Paolo. Invece si trovano ad imprecare contro i tre interventi mostruosi di Gigio. E dall’ultimo di questo terzetto, nasce l’azione del gol di Theo Hernandez. Rimane a metà sul gol del pareggio di Di Lorenzo. Romagnoli devia in maniera decisiva la conclusione di Mertens.

Conti 5: non una serata positiva per Andrea, che dopo una serie di buone prestazioni, sbaglia diverse scelte, soprattutto in fase di pressione palla.

Kjaer 6,5: è ancora muro e, quando serve, non usa mezzi termini per liberare la zona calda della retroguardia.

Romagnoli 5,5: non legge bene il taglio di Di Lorenzo in occasione del gol del pareggio del Napoli. Sfortunato nella deviazione sul tiro di Mertens che batte Donnarumma. Nel finale si regala due chiusure importanti.

Theo Hernandez 6,5: sesto gol in campionato, nessun terzino del Milan aveva segnato quanto lui. Maldera è a quota 9 e sembra lontano, ma la rete che sblocca la partita conferma la sua prolificità davanti alla porta avversaria. Ancora in difficoltà in alcune fasi di copertura.

Kessie 6,5: soffre quando il Napoli allunga il Milan, trovando spazio alle spalle di Franck e Bennacer. Glaciale dal dischetto per il colpo del 2-2, per risollevare una prestazione che stava andando verso l’insufficienza.

Bennacer 6,5: spinge l’azione del vantaggio, premiando con una bella imbucata il movimento di Rebic. La sua regia dinamica è spesso precisa e la sua occupazione campo migliora nel corso della gara, ovvero da quando inizia a leggere i tagli di Zielinski. Perde Mertens in occasione del gol del vantaggio del Napoli.

Paquetà 5: un pesce fuor d’acqua nel ruolo di trequartista esterno. Non ha il passo per ricoprire quella posizione di campo e la sua qualità si accende troppo ad intermittenza. (dal 45’ Saelemaekers 5,5: Pioli lo telecomanda sulla sua banda. Lui ci mettere sempre il suo impegno, ma poi fa due interventi da giallo in 5 minuti e si becca il rosso).

Calhanoglu 5: trotterella. Non è al meglio della condizione, ma l’assenza di un esterno che aggredisca la fascia destra lo porta ad aprire sempre a sinistra l’azione. (dal 61’ Leao 6: due sgroppate e un tiro interessante. Chiude da centravanti la gara).

Rebic 6: il suo taglio da sinistra verso il centro in occasione del gol è quello che crea il buco in cui Theo Hernandez si butta. Suo il pallone al bacio che il francese scaraventa alle spalle di Ospina. (dall’86’ Krunic sv).

Ibrahimovic 5,5: Maksimovic e Koulibaly non gli danno spazio e, spesso, lo dominano nei contrasti fisici. Per respirare viene indietro a cercare il pallone, scoprendo però la zona calda, con il Milan che prede un po’ il riferimento. (dal 61’ Bonaventura: si procura il rigore del pareggio con un’ottima copertura palla alla quale Maksimovic abbocca).

All. Pioli 6: il tour de force con le big si chiude al San Paolo e il bottino è soddisfacente. Rispetto alle gare con Lazio e Juventus, la sua squadra soffre di più, ma tiene botta.