acmilan - La storia della settimana: una vittoria contro tutti

16.05.2018 01:00 di Simone Nobilini Twitter:   articolo letto 9503 volte
Fonte: acmilan.com
acmilan - La storia della settimana: una vittoria contro tutti

Primo maggio 1988, io ho da poco compiuto 4 anni, troppo pochi forse per capire che squadra tifare. La mia famiglia è completamente nerazzurra, dovrei esserlo anche io secondo mio padre e mio nonno. Il destino, però, ha voluto che quel giorno ho ammirato un uomo con dei capelli strani, delle treccine sgroppare sulle fasce e confezionare assist per battere il Napoli nella lotta scudetto. Ruud Gullit mi ha fatto innamorare del Milan. Ma la partita che più conservo nel cuore è un'altra. Ruud non c'è già più e io sono un po' più grandicello e ho la consapevolezza di aver scelto la giusta squadra di Milano da tifare. È la gara della mia rivincita personale con mio fratello e il resto dei parenti interisti.

L'anno prima il Marsiglia mi ha fatto sprofondare, ma il 18 maggio 1994, anche se ci danno già per morti con il Barcellona, io sento che vinceremo. Non vedevo l'ora di tornare a casa da scuola per preparare il videoregistratore e la cassetta per immortalare sul nastro la sfida. Romario non ti temo, io ho Dejan e Zorro Boban. Franco e Billy, non ci siete ma vinceremo per voi. Poi con Marcel in mediana chi passa da lì? È un 4-0 sonante, il pallonetto del Genio me lo ricorderò a vita, come mia madre che vedendomi saltare dopo il quarto gol di Desailly mi disse: "Dì al tuo Milan di non segnare più altrimenti mi spacchi tutta casa dalla gioia!".
Forza Milan

di Giuliano Radice

Abbiamo scelto questa storia perché Giuliano è milanista in una famiglia di interisti, e perché a 24 anni da quella storica notte il nostro amico tifoso rossonero ce la ricorda con gli occhi di quel ragazzo. Quel 4-0 al Barcellona è la partita perfetta, un po' come la scelta di Giuliano, che ha perfettamente deciso di tifare Milan. Grande