Marchetti: "I valori dei giocatori (in tempo di Covid): ecco i più cari del mondo e d’Italia"

25.02.2021 17:24 di Pietro Andrigo Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Marchetti: "I valori dei giocatori (in tempo di Covid): ecco i più cari del mondo e d’Italia"

Intervenuto con un'editoriale su Tuttomercatoweb, il giornalista Luca Marchetti ha parlato dei valori di mercato internazionali. Queste le sue parole: "Il primo italiano inteso come italiano di nazionalità è Nicolò Barella: entra nella top 100 (in 61esima posizione) ed è quello che in Italia ha avuto il balzo positivo maggiore (+10,50). E anche questo fa riflettere. Poi vedremo la classifica della serie A, sempre secondo KPMG e sempre secondo i valori stimati del cartellino), ma gli italiani non sono tanti. C’è come detto Barella, poi c’è Chiesa (80; 54,60), c’è Immobile (87; 51,60), c’è Bastoni (121; 44,4 milioni) e poi Pellegrini (147; 40 milioni). E questo è significativo: il talento in Italia c’è, ma ci auguriamo sempre ce ne sia di più. Quello che lascia sperare però è che la maggior parte di questi ragazzi è molto giovane. L’altra indicazione arriva dalla SerieA. Nelle prime 10 posizioni ci sono 4 interisti e 5 juventini (più Milinkovic-Savic). In rigoroso ordine di valore: Lukaku (104), De Ligt (88), L Martinez (83,9), Hakimi (70), Milinkovic Savic (65), Cristiano Ronaldo (64), Dybala (61,60), Barella (60,5), Kulusevski (57) e Morata (55,9). Il primo napoletano è Ruiz (55), il primo milanista Hernandez (52,8), il primo romanista Pellegrini (40). Nei primi 25 giocatori più “cari” della nostra serie A ci sono 6 interisti (di cui 3 nei primi 4), 8 juventini, 2 laziali, 5 del Napoli (tutti dopo la decima posizione), 2 milanisti e 2 romanisti. Ripetiamo: al di là delle valutazioni singole su cui ognuno di noi può avere opinioni diverse dalle valutazioni di KPMG il trend è che le rose (e i singoli) di Inter e Juventus siano nettamente le migliori del campionato, con una leggera prevalenza bianconera.
Sono solo numeri, studi e proiezioni. Poi quello che conta è - come al solito - il campo.