Milinkovic-Savic: alla Lazio ha fatto il massimo, ora serve l'addio

22.04.2019 00:45 di Fabio Anelli Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
Milinkovic-Savic: alla Lazio ha fatto il massimo, ora serve l'addio

Difficile spiegare cosa scatti nella testa di un giocatore dopo una mancata, e attesa, cessione. Difficile capire cosa abbia influenzato l'annata di Sergej Milinkovic-Savic e di Luis Alberto, grandissimi interpreti della superLazio dell'anno passato e che in questo hanno vissuto una stagione non solo difficile, ma a tratti stregata. E se con l'arrivo del 2019 almeno lo spagnolo sembra essersi ripreso condizione e vena, per il serbo gli alti e bassi continuano, non solo dal punto di vista delle prestazioni in campo. L'inconcepibile gesto contro il ChievoVerona, costato alla Lazio buona parte della partita e tre punti fondamentali nella rincorsa alla Champions, tradiscono un nervosismo che non appartiene al gigante di Lleida, la cui valutazione, dopo un anno tribolato, è come minimo dimezzata. Se i 100 milioni chiesti da Lotito l'anno passato non sembravano una chimera, ora ottenere più della metà di quella cifra sarebbe davvero un buon risultato: ciò che conta però è il futuro di club e giocatore. L'impressione è che il serbo abbia raggiunto i picchi massimi nella sua esperienza nella Capitale: ora è tempo di addio, di una nuova avventura in un club che lotti per un titolo, una circostanza che alla Lazio sembra ancora lontana.