MN - Razgrad e la partita dell’anno: ecco come la città si avvicina a Ludogorets-Milan

15.02.2018 10:00 di Pietro Mazzara Twitter:   articolo letto 10306 volte
Fonte: Inviato a Razgrad. Foto di Daniele Mascolo
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
MN - Razgrad e la partita dell’anno: ecco come la città si avvicina a Ludogorets-Milan

Il Milan di Rino Gattuso proverà a ringhiare anche qui, a Razgrad, cittadina immersa nel verde della campagna (e foresta) bulgara, dove le strade sono degne delle nostre peggiori provinciali e la neve compare e scompare nel giro di poche ore, giusto il tempo di rendere ancora più difficoltosa - a livello di viabilità - la frequentazione delle strade.

 

Razgrad è un conglomerato di operaio-agricolo di circa 54 mila abitanti, ma in alcune zone periferiche della città, sembra che il 2018 non sia mai arrivato. L’incuranza di un numero imprecisato di abitazioni, addobbate con scritte in cirillico, fanno pensare che, seppur in un’Europa sempre più moderna, ci siano dei rimasugli di Soviet qua e là. 

 

Eppure, nonostante un silenzio quasi irreale che abbraccia la città nelle sue ore pomeridiane e serali, la febbre per il Milan sta salendo di ora in ora. La Ludogorets Arena è esaurita da giorni ed il sindaco ha dato il suo via libera all’installazione di un maxischermo attorno al quale la città si bloccherà per seguire la sfida tra il Ludo e i rossoneri. Storie di paganesimo calcistico che uniscono le frazioni più disagiate a chi vive in centro città.

Il Milan, da queste parti, è temuto e rispettato e il suo arrivo ha fatto tappezzare le vie di cartelli e drappi con il claim: “La partita dell’anno”. Negli occhi e nella mente della gente del Ludo c’è il 3-3 con la Lazio, al quale è seguito il sacco di Roma nella gara di ritorno. 7.500 saranno presenti allo stadio, il resto saranno - all’incirca - milanisti arrivati da tutte le parti dei Balcani e non solo. 

Il calcio come fattore aggregativo di una comunità divisa, esattamente come Skopje, da divergenze religione (in città è presente la terza moschea più grande dei Balcani). Eppure, oggi, un solo Dio accomunerà tutti. Quello del pallone.

RAZGRAD - BULGARIA - 14/02/2018 - CITTA ADDOBBATA CON GONFALONI PER LA PARTITA DI EUROPA LEAGUE CHE SI TERRA DOMANI TRA LUDOGORETS - FOTO DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS © foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
RAZGRAD - BULGARIA - 14/02/2018 - CITTA ADDOBBATA CON GONFALONI PER LA PARTITA DI EUROPA LEAGUE CHE SI TERRA DOMANI TRA LUDOGORETS - FOTO DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS © foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
RAZGRAD - BULGARIA - 14/02/2018 - LO STADIO LUDOGORETS ARENA DOVE DOMANI SI GIOCHERA LA PARTITA DI EUROPA LEAGUE LUDOGORETS E MILAN - FOTO DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS © foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
RAZGRAD - BULGARIA - 14/02/2018 - LO STADIO LUDOGORETS ARENA DOVE DOMANI SI GIOCHERA LA PARTITA DI EUROPA LEAGUE LUDOGORETS E MILAN - FOTO DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS © foto di Daniele Mascolo/PhotoViews