Emanuelson e Mesbah "preoccupano" Galliani

 di Stefano Maraviglia  articolo letto 45309 volte
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
Emanuelson e Mesbah "preoccupano" Galliani

Giorni di grande lavoro in casa Milan, il mercato richiede tempo, attenzione, energie mentali ed economiche. Mancano ancora dei tasselli al mosaico rossonero che oggi è tutt'altro che completo, ma manca anche molto alla chiusura della sessione estiva. Tante le cessioni, alla già lunga lista si sono aggiunti Taye Taiwo e Didac Vilà, ma potrebbe non essere ancora completa. A suscitare curiosità è il futuro di un altro terzino sinistro, Djamel Mesbah, mentre inducono alla riflessione le dichiarazioni dell'altro esterno: Urby Emanuelson. L'ex Lecce ha finora rifiutato ogni proposta concreta, avanzatagli da club pronti a investire e credere in lui, la sua volontà è quella di restare in rossonero, anche se in molti credono possa ancora accadere di tutto. L'Olympique Marsiglia ci pensa, la Lazio pare interessata, ma non sembra esserci molto di più oltre a qualche ventilata ipotesi. Capitolo e analisi a parte, merita Urby Emanuelson, nelle scorse ore uscito allo scoperto sul suo ruolo e su quello in cui si sente più a suo agio. ''Non è la mia vera natura, anche se posso fare il terzino quando serve''. L'olandese non usa giri di parole, può, ma non è e, non si sente un terzino, questo è il messaggio, segnale che pungola Adriano Galliani. L'Ad rossonero che fa la conta dei partenti e, che potrebbe piazzare Mesbah altrove, sarebbe poi costretto a ricorrere al mercato, per acquistare un nuovo esterno difensivo, ipotesi già ventilata anche con il franco-algerino fermo nella sua volontà di restare al Milan. Chi sperava di vedere Emanuelson padrone della sinistra dovrà rassegnarsi, occasionalmente potrà cimentarsi, ma la sua posizione è in mediana, con vista sulla trequarti avversaria.

Twitter Stefano Maraviglia: SteMaraviglia