VERSIONE MOBILE
TMW  
 Domenica 25 Settembre 2016
PRIMO PIANO
25 Set 2016 20:45
Serie A TIM 2016-2017
  VS  
Fiorentina   Milan
[ Precedenti ]
AVETE FIDUCIA NELLA PROPRIETÀ CINESE?
  
  

PRIMO PIANO

LIVE MN - Mihajlovic: "Non darò mai le dimissioni. Cerci out per scelta tecnica. Berlusconi? Non l'ho sentito, magari oggi"

08.01.2016 14:44 di Thomas Rolfi Twitter:   articolo letto 48438 volte
© foto di Pietro Mazzara
LIVE MN - Mihajlovic: "Non darò mai le dimissioni. Cerci out per scelta tecnica. Berlusconi? Non l'ho sentito, magari oggi"

- termina qui la conferenza stampa di Sinisa Mihajlovic.

Sul parallelismo con la situazione di Garcia: "Sembra una sfida tra pistoleri tra me e lui, ma non ci sono analogie. Lui è lì da 3 anni a Roma, io da 6 mesi al Milan. Se giochiamo come sappiamo possiamo fare risultato".

Se serve cambiare l'allenatore: "Questo non si può mai dire, non c'è una regola fissa. Non ho mai dato le dimissioni, ma se io vedo la mia squadra che non si allena bene o che non è unita, sono il primo a tirarmi fuori. Fino a che non ci sono questi presupposti non lo farò io. Mi han detto che la squadra è disunita, mentre con il Frosinone erano tutti uniti con Mihajlovic. Questo fa parte del gioco. La mia impressione non è quella".

Se sente la fiducia della società: "A me ogni giorno arriva la rassegna stampa e ho detto ai ragazzi dell'ufficio stampa di mandarmi solo gli articoli che parlano bene di me e quindi non leggo i giornali da un mese e mezzo. Per non farmi condizionare preferisco leggere altre notizie. Penso che comunque la società è sempre vicino a noi, è importante che remiamo tutti verso lo stesso obiettivo e cerchiamo di fare tutti il nostro dovere cercando di dare sempre il massimo. Non mi sono accorto di una non-fiducia della società".

Se ha sentito Berlusconi dopo la sconfitta: "Mi sembrava strano l'altra volta che non l'avesse fatta. Non ci siamo sentiti dopo la partita, ma prima. Ci sentiremo oggi o domani, è sempre il presidente che chiama".

Su Cerci: "Non è la prima volta che viene fischiato e c'era solo lui come sostituto in quel ruolo. Cerci ha avuto un'occasione importante e ha sbagliato. Se avesse fatto gol avreste detto che avevo fatto bene a fare il cambio. Non abbiamo perso per l'occasione sbagliata da lui".

Sui tanti giovani e italiani: "Uno dei nostri obiettivi era quello di valorizzare i giovani e far giocare i giocatori italiani misti a quelli stranieri. Nella partita con il Frosinone abbiamo finito con 8 italiani in campo su 11 e un'età media di 25 anni che è tra le più basse in Serie A. Stiamo lavorando anche per il futuro, i giovani hanno sempre fatto il loro dovere. Il giudizio cambia perchè è sempre tutto nero e abbiamo 28 punti in classifica. Con i 5-6 punti in più che ci siamo meritati sul campo i giudizi cambierebbero. Io come allenatore guardo anche altre cose. Io guardo con una prospettiva più ampia. Penso che da quel punto di vista stiamo facendo tutti un buon lavoro. Naturalmente i risultati non sono quelli che ci aspettavamo o che ci meritavamo, ma io non vedo tutto così nero o negativo".

Sui possibili cambi: "La squadra fisicamente sta bene. Qualche cambio ci sarà perchè c'è qualche acciaccato e visto che mercoledì avremo una partita importante. Domani e mercoledì ci saranno formazioni per vincere".

Se i tanti errori possono essere legati alla paura e alla mancanza di personalità: "L'atmosfera sicuramente non aiuta. I ragazzi sicuramente possono sentirsi meno tranquilli, ma sappiamo che le pressioni al Milan sono all'ordine del giorno ed è giusto che sia così'. Perciò dobbiamo reagire e avere personalità, anche se so che non è facile. Le qualità ci sono se le occasioni le creiamo. Penso anche che ci giri un po' male. Non vogliamo appellarci però alla sfortuna, sappiamo dove dobbiamo migliorare. Dobbiamo essere più sereni e cattivi sotto-porta".

Sull'assenza di Cerci: "E' una scelta tecnica".

Sulla partita da ultima spiaggia: "Sono abituato, faccio questo lavoro e sono nel calcio da 30 anni. Fa parte del gioco, io come sempre sono sereno e fiducioso nel lavoro mio e di questi ragazzi. Io so che ho sempre dato il massimo e continuerò a farlo. So che queste due partite sono fondamentali, non mi nascondo, ma le affronto a testa alta e avanti per la mia strada. Poi i risultati stabiliscono se rimani o non rimani, ma è la società che decide poi".

Sulla squadra senza identità: "Non credo. Prima della partita con il Bologna in 12 partite abbiamo avuto una continuità non solo di risultato, ma anche di prestazione. Io vedo squadre che subiscono magari per tutta la partita, fanno un tiro in porta e vincono. Noi fatichiamo a sfruttare le occasioni create. L'ho fatto vedere ai nostri ragazzi, contro il Bologna abbiamo fatto 37 passaggi in un'azione e poi siamo andati alla conclusione. Sentivamo un po' di fischi, ma noi cerchiamo di far girare il pallone per aprire le difese avversarie. Nel calcio i risultati cambiano gli umori".

Sulla convinzione: "Io resto convinto che quando questa squadra è al completo può competere per i primi tre posti e non lo siamo mai stati. E' vero che ci mancano 5-6 punti per quanto dimostrato in campo, come è vero che quando capitano le occasioni vanno sfruttate. Per la troppa voglia di vincere abbiamo subito gol. Può succedere in casa, quando devi fare gol a tutti i costi. Non possiamo essere in bilico a ogni partita".

Sulle due squadre in difficoltà: "Sono entrambe sotto le aspettative. Sotto il punto di vista del gioco noi creiamo ma non segnamo. Conoscendo la città di Roma dico che è più difficile l'ambiente romano di quello milanese. Noi siamo professionisti, fa parte del calcio e del gioco, l'unico modo per uscire da questa situazione è vincere".

Sulla partita: "Sappiamo che è una partita importante, dobbiamo andare là convinti dei nostri mezzi e buttandola dentro quando ci capita l'occasione. Dobbiamo fare la nostra partita senza timore e curando la fase difensiva".

Amici di MilanNews.it benvenuti a Milanello, dove tra pochi minuti prenderà il via la conferenza di Sinisa Mihajlovic alla vigilia di Roma-Milan. Con il tecnico serbo parleranno, al solito, Riccardo Montolivo e Nigel de Jong. Restate con noi per non perdere neanche una dichiarazione dell'allenatore rossonero.


Altre notizie - Primo Piano
Altre notizie
 

L'ALCHIMISTA INDICA LA STRADA, I CINESI CHIAMATI A SEGUIRLA

L'alchimista indica la strada, i cinesi chiamati a seguirlaChe fossimo solo all’inizio di un percorso quanto mai tortuoso, quello che porterà alla cessione dell’Ac Milan ad un consorzio di imprenditori cinesi entro la fine dell’anno, era già stato messo in preventivo, ma così si rischia di andare ol...
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
Il 2 ottobre chiude la campagna abbonamenti: tutte le infoSta per volgere al termine la campagna abbonamenti 2016/17 che si concluderà ufficialmente il 2 ottobre, in occasione della partita casalinga con il Sassuolo.  I prossimi due mesi a San Siro ospiteremo la Juve il 22 ottobre e affronteremo...
Milan-Lazio 2-0

ESCLUSIVA MN - LA DINAMO ZAGABRIA PIOMBA SU DE PIANO: IL PUNTO

ESCLUSIVA MN - La Dinamo Zagabria piomba su De Piano: il puntoLa Dinamo Zagabria piomba su Federico De Piano. Il club croato, presente questa mattina al Centro Sportivo Vismara, è...

FIORENTINA, A GENNAIO OFFERTA DEL TOTTENHAM PER BADELJ

Fiorentina, a gennaio offerta del Tottenham per BadeljIn estate è stato seguito a lungo dal Milan di Montella, ma alla fine il croato Badelj è rimasto alla...

COPPA ITALIA PRIMAVERA, LE PAGELLE DI MILAN-SALERNITANA 7-1: CUTRONE È UN'IRA DI DIO, HADZIOSMANOVIC ASSIST-MAN. AGNERO SCIUPONE

Coppa Italia Primavera, le pagelle di Milan-Salernitana 7-1: Cutrone è un'ira di Dio, Hadziosmanovic assist-man. Agnero sciuponeQueste le pagelle di Milan-Salernitana 7-1: Plizzari 6,5: Non è quasi mai impegnato e non può nulla sul gol...

PRIMAVERA, NAVA A SPORTITALIA: "PER ARRIVARE A GRANDI VITTORIE BISOGNA PASSARE ANCHE DA MOMENTI DOLOROSI COME QUESTI"

Primavera, Nava a Sportitalia: "Per arrivare a grandi vittorie bisogna passare anche da momenti dolorosi come questi"Stefano Nava, tecnico della Primavera del Milan, ha parlato ai microfoni di Sportitalia al termine della bruciante sconfitta...

SONDAGGIO MN - LE BANDIERE DEL MILAN CONTRO LA FUTURA DIRIGENZA: COSA NE PENSATE?

SONDAGGIO MN - Le bandiere del Milan contro la futura dirigenza: cosa ne pensate?Il nuovo Milan che sta nascendo fa già discutere. Alcune bandiere del Milan negli ultimi giorni si sono schierate...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 25 Settembre 2016.
   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI