ESCLUSIVA MN - Ceccarini: "Milan protagonista anche in questa stagione. De Ketelaere va aspettato, è un giocatore straordinario"

25.09.2022 17:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
Fonte: di Antonio Vitiello
ESCLUSIVA MN - Ceccarini: "Milan protagonista anche in questa stagione. De Ketelaere va aspettato, è un giocatore straordinario"
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Per parlare dell'attualità del mondo rossonero, fra campo, rinnovi e qualche accenno al mercato, la redazione di MilanNews.it ha intervistato in esclusiva Niccolò Ceccarini, giornalista e direttore di TMW Radio. Queste le sue dichiarazioni: 

L’avvio di stagione del Milan: “Credo che questo avvio di campionato sia tutto sommato positivo. Dopo sette giornate il Milan ha 14 punti, 3 lunghezze dalla vetta della classifica, quindi assolutamente in linea con quelli che potrebbero essere i piani scudetto. Qualcuno si aspettava che magari la squadra campione d’Italia fosse già al comando della Serie A, ma questo è un campionato particolarmente equilibrato in cui può succedere sempre di tutto.

La partita di San Siro contro il Napoli e i punti fermi della squadra: "Il Milan contro il Napoli non esce minimamente ridimensionato. La squadra è forte, all’altezza, la prestazione c’è stata. I rossoneri hanno avuto le loro occasioni: il risultato non premia la squadra di Pioli ma secondo me poteva tranquillamente starci un pareggio. La prestazione comunque rimane la cartina tornasole dello stato di salute della squadra, e questa è una squadra che sta bene e ha certezze. Ci sono punti dei riferimenti intoccabili, a partire dal portiere. Maignan è stata una delle operazioni di mercato migliori della coppia Maldini-Massara. È una certezza costata 15 milioni di euro, non sta facendo rimpiangere minimamente Donnarumma. In difesa mi sembra che sia cresciuto tantissimo Kalulu, poi c’è Tomori e presto avremo la possibilità di vedere anche il miglior Kjaer. A centrocampo si sta aspettando quello che sarà il miglior De Ketelaere e davanti l’acquisto di Origi può dare soluzioni alternative, mentre Giroud rimane punto di riferimento: è l’uomo che fa l’Ibra della situazione. Esperienza, qualità, grinta, determinazione e gol pesanti.

Il percorso in Champions League finora: "Credo che questa squadra abbia tanti spunti interessanti e possa essere protagonista anche in questa stagione. Ha cominciato bene il cammino anche in Champions League, sono arrivati 4 punti dalle prime due partite: il pareggio con il Salisburgo e la vittoria interna contro la Dinamo Zagabria. Contro i croati sono stati tre punti importantissimi: il Milan un po’ ha sofferto ma poi ha portato il risultato a casa. Ci saranno comunque ancora tante partite, arriva un mese e mezzo da fare tutto d’un fiato in cui il Milan potrà sicuramente migliorare.

Sui rinnovi: “Il Milan ha fatto un ottimo lavoro con Tonali, Tomori, Pobega. Stanno per arrivarne altri, come quelli di Kalulu e Bennacer. Io penso che ci sarà l’opportunità di vedere presto anche un rinnovo di Giroud, perché il francese sta diventando un giocatore importante. Anche sotto questo punto di vista quindi la squadra sta crescendo. Vediamo anche tante operazioni di prospettiva, a me ad esempio piace la capacità reattiva del Milan con cui, nel momento di difficoltà dovuto all’infortunio di Florenzi, subito vanno a prendere Dest. Si vede subito la capacità degli uomini mercato di trovare in tempi stretti una soluzione”.

Su De Ketelaere: “È un giocatore straordinario, fantastico. Ad oggi non è ancora la miglior versione di sé stesso, ma l’ho considerata una delle migliori operazioni del mercato internazionale. Il Milan ha speso 35 milioni di euro che secondo me sono spesi benissimo per un profilo del genere: è un grandissimo investimento, vedrete che farà grandi cose nel campionato italiano e diventerà uno dei migliori giocatori del panorama mondiale. Va aspettato un attimo, sicuramente deve entrare un po’ meglio con quelle che sono le situazioni del nostro campionato, ma siamo di fronte, secondo me, ad un talento assoluto”.

La situazione Leao, tra rinnovo e mercato: "Chiaro che poi nel Milan c’è da valutare anche un altro aspetto: la crescita importante di Leao. È un giocatore straordinario, per cui il Milan fece un’importante operazione di mercato con il Lille. Lo pagò 30 milioni di euro, oggi ne vale sicuramente più di 100. Il Chelsea lo voleva, il Milan è stato molto bravo a resistere. Ora stanno trattando il rinnovo, non sarà semplice perché le richieste sono alte: la volontà del giocatore potrebbe fare la differenza. Credo che da questo punto di vista ci siano dei buoni margini, anche se naturalmente fare una previsione su come andrà a finire non è facile. C’è anche la questione del risarcimento allo Sporting che può creare delle difficoltà, ma io credo che Leao abbia proprio bisogno di stare al Milan: in rossonero può crescere e diventare ulteriormente un grande giocatore. Poi nel mercato mai dire mai, è chiaro che se arrivasse un’offerta clamorosa la prossima estate lì bisognerà vedere se il Milan riuscirà a resistere. Io credo che per il bene di Leao e per la sua crescita il Milan sia la soluzione ideale”.